Kapitan Volkonogov bezhal

Kapitan Volkonogov bezhal recensione film di Natasha Merkulova e Aleksey Chupov [Venezia 78]

Captain Volkonogov escaped è scappato è una retro-utopia che riflette sulle tremende storture che affliggono ancora la società contemporanea: la recensione

Kapitan Volkonogov bezhal recensione film di Natasha Merkulova e Aleksey Chupov con Yuriy Borisov, Timofey TribuntsevNikita Kukushkin a Venezia 78

La retro-utopia di Natasha Merkulova e Aleksey Chupov è estremamente reale. Non sembra così strano che un regime totalitario torturi e ammazzi con leggerezza potenziali nemici e oppositori per mano dei suoi ciechi camerati. Dovrebbe svilupparsi come un film surreale, una spirale di crudeltà cieca e irrazionale, ma sullo sfondo si riconosce San Pietroburgo e la stessa innocente del mondo contemporaneo, avviando un cortocircuito che invalida il confortante recinto di film in costume e temporalmente ambiguo che Kapitan Volkonogov bezhal (Capitan Volkonogov è scappato) suggerirebbe.

MadMass.it consiglia by Amazon

Il capitano Fyodor Volkonogov (Yuriy Borisov) scopre di avere di avere un’anima dopo aver passato la sua vita a utilizzare metodi speciali per estorcere artefatte verità dalle bocche della povera gente. Una censura violenta e preventiva che richiede a chi la pratica un distacco brutale dalla realtà che non può venir meno in qualsiasi momento, pena la svelamento dell’inganno. Da carnefice il soldato russo si trasforma in dissidente, traditore, per cominciare la ricerca di un perdono che possa garantirgli un posto in paradiso.

Yuriy Borisov
Yuriy Borisov (Credits: Memento International)

Yuriy Borisov
Yuriy Borisov e il resto del cast (Credits: Memento International)

Vedere un boia che si presenta intraprendere una via crucis per chiedere perdono dopo aver seviziato e spedito all’altro mondo un tuo familiare è un percorso straniante e curioso. L’egoismo di chi è alla ricerca ossessiva di una grazia per sistemarsi per l’eternità si contamina lentamente con l’accumulo di incrinature nella fiducia del capitano Volgonov sull’esserne degno. Il suo destino terreno è segnato nel momento in cui cerca di porre ingenuamente rimedio al suo operato, ma il suo aldilà rimane pericolosamente in bilico fino alla fine.

I registi russi, attraverso Kapitan Volkonogov bezhal, si interrogano sulla possibilità di redenzione di un individuo coinvolto in un sistema inumano e alienante. Può la tortura essere disincantata? Cosa trasforma un regime nelle persone che si nascondono dietro insegne e uniforme? Le risposte si fanno carne nel volto enigmatico Yuriy Borisov, lasciandone allo spettatore il compito di testarne la solidità.

Bisogna vincere la resistenza iniziale a considerare questo film russo, in concorso alla 78° edizione della Mostra del Cinema di Venezia, un thriller matto e separato dal mondo reale. Accettandone le regole e riconoscendo la somiglianza con questioni storiche ma estremamente attuali, si apre uno scenario di riflessione su un qualcosa che non dovrebbe esistere ma che finisce per essere tristemente noto a tutti e inconsapevolmente accettato. Si può scappare ma, come Fyodor, bisogna guardare in faccia la realtà per provare a smacchiarsi la coscienza.

Kapitan Volkonogov bezhal recensione film di Natasha Merkulova e Aleksey Chupov con Yuriy Borisov
Kapitan Volkonogov bezhal di Natasha Merkulova e Aleksey Chupov con Yuriy Borisov a Venezia 78 (Credits: Memento International)

Kapitan Volkonogov bezhal recensione film di Natasha Merkulova e Aleksey Chupov con Yuriy Borisov
Kapitan Volkonogov bezhal di Natasha Merkulova e Aleksey Chupov con Yuriy Borisov a Venezia 78 (Credits: Memento International)

Sintesi

Bisogna vincere la resistenza iniziale a considerare Kapitan Volkonogov bezhal un thriller matto e separato dal mondo. Accettandone le regole e riconoscendo la somiglianza con questioni storiche ma estremamente attuali, si apre uno scenario di riflessione su un qualcosa che non dovrebbe esistere ma che finisce per essere tristemente noto a tutti e inconsapevolmente accettato.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli