Jesus Rolls - Quintana è tornato!

Jesus Rolls – Quintana è tornato recensione [#RomaFF14]

Jesus Rolls: Quintana è tornato! recensione del film diretto e interpretato da John Turturro, basato su uno dei personaggi più iconici de Il grande Lebowski

Dopo poco più di vent’anni dall’uscita nelle sale de Il grande Lebowski, cult del cinema postmoderno diretto dai visionari fratelli Coen e con protagonisti Jeff Bridges, John Goodman e Steve Buscemi, John Turturro riporta sullo schermo il leggendario Jesus Quintana, fenomenale giocatore di bowling che nel film del ’98 incrocia la confusa via dei tre insoliti amici partoriti dalla mente dei registi di Ave, Cesare!Fargo Non è un paese per vecchi. Però fate attenzione! Jesus Rolls non ha nulla da spartire con il capolavoro di Joel e Ethan Coen. È uno spin-off (se così vogliamo chiamarlo) che mostra più da vicino un personaggio ideato da John Turturro una decina di anni prima della realizzazione dello stesso Il grande Lebowski, in un contesto non cinematografico, bensì teatrale. Quindi niente Drugo, niente narratori onniscienti, niente Autobahn. Insomma, niente Coen. Noi lo abbiamo visto in anteprima, in occasione della preapertura della Festa del Cinema di Roma.

MadMass.it consiglia by Amazon

John Turturro è Jesus Quintana
John Turturro è Jesus Quintana

Jesus Rolls (remake di un film francese del 1974, I santissimi, diretto da Bertrand Blier) approfondisce la storia, solo accennata ne Il grande Lebowski, di Jesus Quintana, interpretato nuovamente da John Turturro, che in questa occasione si trova anche dietro la macchina da presa. Il giocatore di bowling, appena uscito di galera, si ricongiunge con il suo amico Petey (Bobby Cannavale), con il quale vive alla giornata, perennemente in viaggio, complice il loro continuo coinvolgimento in qualche crimine che impedisce loro di stabilirsi in modo permanente. Questa, in breve, la trama del film. Per tutta la durata della pellicola ci troviamo a seguire le rocambolesche avventure dei due amici, i quali lungo il cammino incontrano personaggi che li aiutano in una crescita personale completamente involontaria, un po’ come ci insegna quel cinema moderno di cui il film di Blier fa parte.
Sono i personaggi-guida che ci conducono lungo la strada tortuosa di un mondo indecifrabile.

John Turturro, Bobby Cannavale e Audrey Tautou
John Turturro, Bobby Cannavale e Audrey Tautou

Turturro è tanto bravo davanti quanto dietro la macchina da presa. Riesce a mantenere un suo stile distintivo, anche se il suo voler ricalcare i passi dei grandi autori della sua giovinezza lo porta un po’ fuori strada. C’è molto del cinema francese degli anni Settanta. A tratti si percepisce addirittura un sentore di Nouvelle Vague. Ma, nonostante la bravura di Turturro, la pellicola pecca un po’ di ritmo. Le vicende che vedono coinvolti JesusPetey e la loro amica/amante Marie (Audery Tautou) sono abbastanza brevi, quasi delle istantanee di vita. Tuttavia, la narrazione non riesce a stare al passo con la messa in scena e il risultato è un forte senso di lentezza, anche perché, come si è detto, quelli raccontati sono tutti momenti poco significanti (o molto, a seconda del punto di vista) della loro vita. Non sono quei macro-eventi delle grandi narrazioni hollywoodiane. I desideri di questi personaggi sono inesistenti, difficili da identificare. Non sono mossi dall’azione, quanto, piuttosto, dall’inerzia. Come è giusto che sia, d’altronde, per il tipo di cinema dal quale prende spunto Turturro per Jesus Rolls.

Bobby Cannavale, Audrey Tautou e John Turturro
Bobby Cannavale, Audrey Tautou e John Turturro

Se dal punto di vista del ritmo non convince, è cosa diversa per le dinamiche sociali che tratta con comica reverenza, come la sessualità, l’amicizia, il limite tra lecito e illecito. Il primo tema in particolare è quello che risalta maggiormente. Per tutto il film ci vengono mostrati personaggi dalla sessualità ambigua. In primis, la relazione di amicizia tra Jesus e Petey, che sembra quasi un rapporto di coppia o, perlomeno, di totale condivisione.

I due, infatti, spartiscono il letto, il bagno, perfino la stessa Marie. A volte sembrano quasi la medesima entità. Questo lo si nota nelle diverse occasioni durante le quali indossano indumenti molto simili, come se fossero due parti di una personalità scissa, ma inevitabilmente unita nella separazione fisica. Sono temi, questi elencati, che fanno riflettere, portando lo spettatore a identificarsi con le vicende, sempre implicate in un vivido rapporto tra commedia e consapevolezza.

Jesus Rolls recensione
Jesus Rolls: Il Poster

Sintesi

Jesus Rolls è senza dubbio un film interessante, non tanto perché è il ritorno di uno dei personaggi più amati de Il grande Lebowski, ma soprattutto perché si immerge in quel mondo di dinamiche sociali che non sempre il cinema ha il coraggio di sviscerare. Tuttavia, si perde in una ricerca forsennata dell'omaggio a un cinema troppo distante dal mondo contemporaneo, risultando lento e poco attraente. I Coen sono lontani, ma forse è anche giusto così.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Memory House (Casa de Antiguidades) recensione film di João Paulo Miranda Maria [TFF 38]

Memory House (Casa de Antiguidades) recensione film di João Paulo Miranda Maria con Antonio Pitanga e Ana Flavia Cavalcanti al Torino Film Festival 38 Memory...

Cinema News del 24 novembre [Rassegna Stampa]

Luca Guadagnino produce un biopic su Tennesee Williams Mark Ruffalo papà di Ryan Reynolds in The Adam Project Anthony Mackie in versione Liam...

Vera de Verdad recensione film di Beniamino Catena con Marta Gastini [TFF 38]

Vera de Verdad recensione film di Beniamino Catena con Marta Gastini, Marcelo Alonso, Davide Iacopini, Anita Caprioli e Paolo Pierobon al Torino Film Festival Parla...

Antidisturbios recensione serie TV di Rodrigo Sorogoyen e Isabel Peña Episodi 1-2 [TFF 38]

Antidisturbios recensione miniserie TV di Rodrigo Sorogoyen e Isabel Peña con Vicky Luengo, Raúl Arévalo e Álex García al Torino Film Festival 38 Sono stati presentati...

Mi chiamo Francesco Totti recensione film documentario di Alex Infascelli [Sky Now TV]

Mi chiamo Francesco Totti recensione documentario di Alex Infascelli scritto da Francesco Totti con Paolo Condò disponibile su Sky e Now TV Alex Infascelli nella sua...

Il talento del calabrone recensione film di Giacomo Cimini con Sergio Castellitto e Anna Foglietta [Amazon Prime Video]

Il talento del calabrone recensione film di Giacomo Cimini con Sergio Castellitto, Lorenzo Richelmy, Anna Foglietta e Marina Occhionero su Prime Video La storia raccontata da...

Logan – The Wolverine recensione film di James Mangold con Hugh Jackman

Logan - The Wolverine recensione del film di James Mangold, con Hugh Jackman, Patrick Stewart, Dafne Keen, Boyd Holbrook e Stephen Merchant Da un paio d'anni il...

Cinema News del 23 novembre [Rassegna Stampa]

Black Panther 2 inizierà le riprese a luglio Weekend su Amazon Prime Video a dicembre L’Associazione delle Film Commission Europee mette in palio...

The Salt in Our Waters recensione film di Rezwan Shahriar Sumit [TFF 38]

The Salt in Our Waters recensione film di Rezwan Shahriar Sumit con Fazlur Rahman Babu, Shatabdi Wadud e Titas Zia al Torino Film Festival 38 Si...

Mickey on the Road recensione film di Mian Mian Lu [TFF 38]

Mickey on the Road recensione film di Mian Mian Lu con Pao-Wen Yeh, Ya-Ling Chang, Ke-Li Miao, Yu Chieh Hsu presentato al Torino Film...