Il buco

Il buco recensione film di Michelangelo Frammartino [Venezia 78]

Il buco si spinge al di fuori della narrazione ordinaria per far vivere i suoi luoghi e la sua storia senza troppe restrizioni: la recensione del film di Michelangelo Frammartino

Il buco recensione film di Michelangelo Frammartino con Nicola Lanza, Antonio Lanza, Leonardo LaroccaLeonardo Zaccaro, Denise Trombin e Mila Costi

Cosa c’è di più influente della spontaneità? Ci sono storie e luoghi che hanno bisogno soltanto di essere presentati con gentilezza per liberare un potenziale imbrigliato dal tempo e dall’ignoto e arrivare nel profondo. Succede anche con Il buco, basta armarsi di caschi e scalette da speleologi.

L’Abisso del Bifurto è una grotta situata nel Parco Nazionale del Pollino ed esplorata per la prima volta nel 1961 dal Gruppo Speleologico Piemontese, che ne ha raggiunto il punto più basso a 683 metri al di sotto della superficie. Questa, però, è soltanto l’interazione umana ufficiale con una manifestazione naturale della Terra che esclude di netto. Il buco scavato nella roccia carsica è appartenuto alla comunità locale di Cerchiara di Calabria e ai pastori che vivono sulle montagne per un tempo indefinito, come un segreto ben custodito.

L'Abisso del Bifurto
L’Abisso del Bifurto (Credits: Lucky Red)

L'Abisso del Bifurto
L’Abisso del Bifurto (Credits: Lucky Red)

LEGGI ANCORA: Il collezionista di carte: la recensione del film di di Paul Schrader

È qui che si installa la visione di Michelangelo Frammartino. Un’impresa storica nota forse soltanto agli addetti ai lavori è l’occasione per dar voce ad un’area interna depositaria di un’umanità sempre più a rischio d’estinzione. Le ampie inquadrature sono animate dai movimenti lenti e misurati della vita che vogliono intercettare. Affrontare una discesa verticale nei meandri dell’esistenza vuol dire viaggiare leggeri e portare con sé l’essenziale: via i dialoghi, via la colonna sonora, via i personaggi, via addirittura la luce per interrogare la nuda terra con punti macchina fissi e presa diretta di tutto il possibile.

Sembrerebbero le premesse per un film ostico e criptico, con il piede schiacciato sull’acceleratore dell’autorialità spinta. Il buco è sicuramente un film ridotto all’osso ma per un motivo ben preciso: non c’è sempre il bisogno di interpretare, si deve anche fare in modo che le cose si esprimano nelle lingue a loro familiari. In contrasto con la tendenza naturale verso le altezze del cielo e delle stelle, l’avventura speleologica di un gruppo di barbari nella direzione opposta finisce per rivelare con discrezione le fondamenta della società che calpestiamo oggi. L’anziano pastore che sorveglia la fessura del Bifurto si propone così, secondo Michelangelo Frammartino e la sceneggiatrice Giovanna Giuliani, come rappresentazione terrena dell’inghiottitoio stesso, in cui l’umano e l’antico trovano un ritmo comune con cui stare al mondo.

Quando arriva la parete insuperabile, quando l’ignoto è stato addomesticato, il mistero viene meno, la casa perde il suo padrone e la realtà fa finta di niente, riconsegnando Il buco al suo buio avvolgente e immersivo da cui tutto sembra provenire.

Il buco recensione film di Michelangelo Frammartino
Il buco il film di Michelangelo Frammartino alla Mostra del Cinema di Venezia 78 (Credits: Lucky Red)

Il buco recensione film di Michelangelo Frammartino
Il buco il film di Michelangelo Frammartino alla Mostra del Cinema di Venezia 78 (Credits: Lucky Red)

Sintesi

Il film di Michelangelo Frammartino è un inchiesta senza reporter, un documentario senza dati che privilegia l'ascolto della natura e dell'uomo piuttosto che sentirli deporre battute ed interpretazioni.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli