Hive

Hive recensione film di Blerta Basholli con Yllka Gashi [RomaFF16]

La tragica storia di Fahrije, donna emancipata di inizio millennio che lotta contro una società maschilista e patriarcale per il bene della propria famiglia. La recensione di Hive presentato alla Festa del Cinema di Roma

Hive recensione film di Blerta Basholli con Yllka Gashi, Çun Lajçi, Aurita Agushi, Kumrije Hoxha, Adriana Matoshi e Molikë Maxhuni

Il conflitto per l’indipendenza del Kosovo dalla Serbia ha causato la morte di migliaia di cittadini verso la fine del ventesimo secolo. Molti non hanno fatto rientro a casa, lasciando tantissime mogli con figli a carico nella povertà assoluta. A questo si aggiunge una mentalità arcaica piuttosto chiusa, secondo cui è l’uomo ad avere il diritto-dovere di lavorare per fornire sostentamento alla famiglia, mentre le donne devono rimanere a casa a badare al focolare.

MadMass.it consiglia by Amazon

Proprio sullo sfondo di questo scenario post-bellico si dipana la trama di Hive, opera prima della regista kosovara Blerta Basholli, attraverso la drammatica storia di Fahrije (Yllka Gashi) e del suo coraggio nel cercare di sopravvivere in un paese dominato da una atavica cultura machista e patriarcale. Da quando suo marito è risultato disperso durante il conflitto, Fahrije bada alla sua famiglia al massimo delle sue capacità, tra la vendita di miele e la produzione di ajvar, una particolare salsa di peperoni tipica delle zone balcaniche. Insieme alle sue amiche, anch’esse molte col marito scomparso, uniscono le forze per creare una vera e propria attività indipendente, scontrandosi però con la mentalità locale che preclude alle donne qualsiasi attività lavorativa.

Yllka Gashi
Yllka Gashi (Credits: Ikone Studio/Industria Film)

Hive recensione film di Blerta Basholli con Yllka Gashi
Hive di Blerta Basholli con Yllka Gashi alla Festa del Cinema di Roma (Credits: Ikone Studio/Industria Film)

LEGGI ANCORA: RomaFF16, tutte le recensioni dalla Festa del Cinema di Roma

Basato su una storia realmente accaduta e riadattata per il grande schermo, Hive riporta con efficacia il profondo dramma che vive il Kosovo all’inizio del ventunesimo secolo, aggravato da una società ancora radicata a schemi e preconcetti che pongono la donna in una posizione di inferiorità rispetto all’uomo. La regia di Basholli gioca con gli sguardi torvi dei vecchi abitanti, le loro crudeli parole contro Fahrije in sottofondo e le drammatiche scene di rappresaglia contro l’attività delle donne. Una vessazione continua riportata senza enfasi in un crescendo drammatico.

Inquadratura dopo inquadratura siamo sempre più vicini al dramma di queste donne e delle loro famiglie, i loro volti solcati dalla stanchezza e la miseria, così come i piccoli e maliziosi gesti degli abitanti maschi, che danno adito a dicerie e maldicenze diffondendole a macchia d’olio come un virus. Allo stesso tempo, soprattutto negli occhi e nelle azioni di Fahrije, risiede la forza della rivalsa e del riscatto, di una madre che vuole sono la sopravvivenza della sua famiglia e di tutto ciò che è caro. Proprio in questa sua volontà e spirito di sacrificio risiede l’essenza della pellicola: la volontà di andare avanti per ciò che è importante, remando contro tutto e tutti pur di fare solo ciò che è giusto.

Yllka Gashi
Yllka Gashi (Credits: Ikone Studio/Industria Film)

Hive recensione film di Blerta Basholli con Yllka Gashi
Hive di Blerta Basholli con Yllka Gashi alla Festa del Cinema di Roma (Credits: Ikone Studio/Industria Film)

Yllka Gashi
Yllka Gashi (Credits: Ikone Studio/Industria Film)

Sintesi

Hive, opera prima della regista kosovara Blerta Basholli, ci porta indietro nel tempo in mezzo ad una società retrograda e piena di pregiudizi, trattando il tema dell’emancipazione femminile con grande spirito d’osservazione e una messa in scena profonda, attraverso lo sguardo e le azioni della sua protagonista animata dalla forza della rivalsa e del riscatto.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli