Dio è donna e si chiama Petrunya

Dio è donna e si chiama Petrunya recensione

Dio è donna e si chiama Petrunya di Teona Strugar Mitevska con Zorica Nusheva, Labina Mitevska, Simeon Moni Damevski, Suad Begovski e Stefan Vujisic

Dio è donna e si chiama Petrunya è il film di Teona Strugar Mitevska che ha stregato il pubblico all’ultimo Torino Film Festival. La 32enne Petrunya (Zorica Nusheva) è una giovane laureata in storia, disoccupata e amareggiata dalla vita. Camminando verso casa dopo un colloquio, incrocia una cerimonia religiosa riservata a soli uomini. La croce di legno lanciata nell’acqua deve essere recuperata da uno degli uomini a cui è “promessa” felicità e prosperità. Ma, completamente al di fuori della tradizione religiosa, sarà una donna a raggiungere per prima la croce: Petrunya. L’intero paese si rivolterà tentando di riaverla.

MadMass.it consiglia (by Amazon)

Dio è donna e si chiama Petrunya recensione
Dio è donna e si chiama Petrunya

Zorica Nusheva naked
Dio è donna e si chiama Petrunya di Teona Mitevska con Zorica Nusheva

MadMass.it consiglia (by Amazon)

La storia, come raccontato dalla stessa regista, è tratta da un evento realmente accaduto. Il lancio della croce è un tradizione tipica dei paesi ortodossi che si svolge il 19 gennaio. In Macedonia nel 2014 è stata una donna a recuperare la croce per la prima volta. Il suo gesto, come quello di Petrunya nella pellicola, è stato considerato scandaloso dalla comunità dato che la tradizione religiosa esclude le donne dal partecipare alla cerimonia.

Per una buona analisi della pellicola si può partire da una dichiarazione di Teona Mitevska, la regista: “In molti mi chiedono se è un film femminista, ma ogni film con un personaggio femminile fuori dagli schemi e dai ruoli consueti è un film femminista”. Petrunya è una protagonista che si mostra fuori dagli schemi e dagli standard imposti dalla sua società. Ma se inizialmente appare turbata da tale condizione, il “viaggio” che affronta la porta a cambiare profondamente la consapevolezza che ha di se stessa.

Dio è donna e si chiama Petrunya recensione
Il lancio della croce è un tradizione tipica dei paesi ortodossi

Zorica Nusheva
Dio è donna e si chiama Petrunya di Teona Mitevska

L’attacco da parte degli uomini del paese, a causa del suo gesto “sconveniente”, è in realtà la punta dell’iceberg della supremazia maschile che prova a schiacciarla. Petrunya appare come costantemente soffocata da chi gli sta intorno. La protagonista Zorica Nusheva è perfetta nel riuscire a mostrare il cambiamento di un personaggio costretto al ruolo di “pecora” ma che in realtà è per natura un “lupo”, posizioni chiamate in causa più volte nel corso della pellicola. Petrunya, inizialmente sommersa dalla sua infelicità e dalla sua disperazione, comprende di dover tirare fuori i denti. È decisa a non mollare. Sullo schermo si susseguono un continuo di atti violenti (fisici e verbali) e misogini che producono l’effetto opposto spingendo la protagonista a non mollare. Ogni provocazione segna un punto più alto della sua convinzione di essere nel giusto, di avere il diritto di possedere la croce.

Dio è donna e si chiama Petrunya non è una ricerca d’aiuto da parte della sfera femminile soffocata da religione e patriarcato. È un grido di guerra, feroce ed estenuato, che vuole dire basta alla misoginia, all’ignoranza e al fanatismo religioso.

Valentina

Sintesi

Tratto da un evento realmente accaduto, Dio è donna e si chiama Petrunya di Teona Mitevska è un grido di guerra, feroce ed estenuato, che vuole dire basta alla misoginia, all'ignoranza e al fanatismo religioso.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

C’era una volta il West recensione

C'era una volta il West recensione del primo capitolo della Trilogia del Tempo di Sergio Leone con Henry Fonda, Charles Bronson, Claudia Cardinale e Jason...

Cine Rassegna Stampa del 14 agosto

Cine Rassegna Stampa del 14 agosto: il trailer de Le strade del male con Tom Holland, Robert Pattinson, Jason Clarke, Riley Keough e Mia...

Bob & Carol & Ted & Alice recensione [Flashback Friday]

Bob & Carol & Ted & Alice recensione del film di Paul Mazursky con Natalie Wood, Elliott Gould, Dyan Cannon e Robert Culp Nel pieno...

Le migliori coppie artistiche del cinema [Throwback Thursday]

Ci sono coppie di attori che sembrano fatte per recitare insieme e che rendono un film ancora più intenso. Scopriamo le migliori coppie artistiche...

Cine Rassegna Stampa del 13 agosto

Cine Rassegna Stampa del 13 agosto: Elisabeth Moss nel thriller psicologico Mrs. March per Blumhouse, Jonathan Pryce sarà il principe Filippo in The Crown,...

Kidding 2 recensione serie TV [Sky Anteprima]

Kidding 2 - Il fantastico mondo di Mr. Pickles recensione della seconda stagione della serie ideata da Dave Holstein con Jim Carrey, Frank Langella,...

Siberia recensione film di Abel Ferrara [Anteprima]

Siberia recensione film di Abel Ferrara con Willem Dafoe, Dounia Sichov, Simon McBurney, Cristina Chiriac e Valentina Rozumenko Voglio vedere se possiamo raffigurare cinematograficamente...

Il re di Staten Island recensione

Il re di Staten Island recensione film di Judd Apatow con Pete Davidson, Marisa Tomei, Steve Buscemi, Bill Burr, Bel Powley, Maude Apatow e...

Cine Rassegna Stampa del 12 agosto

Cine Rassegna Stampa del 12 agosto: il prequel drammatico di Willy il Principe di Bel-Air, la trilogia Fear Street sbarca su Netflix, il trailer...

Lovecraft Country recensione serie TV Episodi 1-5 [Anteprima]

Lovecraft Country recensione della serie TV di Misha Green con Jurnee Smollett, Jonathan Majors, Courtney B. Vance, Aunjanue Ellis, Abbey Lee, Jada Harris, Wunmi Mosaku,...