Dio è donna e si chiama Petrunya

Dio è donna e si chiama Petrunya recensione

Dio è donna e si chiama Petrunya di Teona Strugar Mitevska con Zorica Nusheva, Labina Mitevska, Simeon Moni Damevski, Suad Begovski e Stefan Vujisic

Dio è donna e si chiama Petrunya è il film di Teona Strugar Mitevska che ha stregato il pubblico all’ultimo Torino Film Festival. La 32enne Petrunya (Zorica Nusheva) è una giovane laureata in storia, disoccupata e amareggiata dalla vita. Camminando verso casa dopo un colloquio, incrocia una cerimonia religiosa riservata a soli uomini. La croce di legno lanciata nell’acqua deve essere recuperata da uno degli uomini a cui è “promessa” felicità e prosperità. Ma, completamente al di fuori della tradizione religiosa, sarà una donna a raggiungere per prima la croce: Petrunya. L’intero paese si rivolterà tentando di riaverla.

Dio è donna e si chiama Petrunya recensione
Dio è donna e si chiama Petrunya

Zorica Nusheva naked
Dio è donna e si chiama Petrunya di Teona Mitevska con Zorica Nusheva

La storia, come raccontato dalla stessa regista, è tratta da un evento realmente accaduto. Il lancio della croce è un tradizione tipica dei paesi ortodossi che si svolge il 19 gennaio. In Macedonia nel 2014 è stata una donna a recuperare la croce per la prima volta. Il suo gesto, come quello di Petrunya nella pellicola, è stato considerato scandaloso dalla comunità dato che la tradizione religiosa esclude le donne dal partecipare alla cerimonia.

Per una buona analisi della pellicola si può partire da una dichiarazione di Teona Mitevska, la regista: “In molti mi chiedono se è un film femminista, ma ogni film con un personaggio femminile fuori dagli schemi e dai ruoli consueti è un film femminista”. Petrunya è una protagonista che si mostra fuori dagli schemi e dagli standard imposti dalla sua società. Ma se inizialmente appare turbata da tale condizione, il “viaggio” che affronta la porta a cambiare profondamente la consapevolezza che ha di se stessa.

Dio è donna e si chiama Petrunya recensione
Il lancio della croce è un tradizione tipica dei paesi ortodossi

Zorica Nusheva
Dio è donna e si chiama Petrunya di Teona Mitevska

L’attacco da parte degli uomini del paese, a causa del suo gesto “sconveniente”, è in realtà la punta dell’iceberg della supremazia maschile che prova a schiacciarla. Petrunya appare come costantemente soffocata da chi gli sta intorno. La protagonista Zorica Nusheva è perfetta nel riuscire a mostrare il cambiamento di un personaggio costretto al ruolo di “pecora” ma che in realtà è per natura un “lupo”, posizioni chiamate in causa più volte nel corso della pellicola. Petrunya, inizialmente sommersa dalla sua infelicità e dalla sua disperazione, comprende di dover tirare fuori i denti. È decisa a non mollare. Sullo schermo si susseguono un continuo di atti violenti (fisici e verbali) e misogini che producono l’effetto opposto spingendo la protagonista a non mollare. Ogni provocazione segna un punto più alto della sua convinzione di essere nel giusto, di avere il diritto di possedere la croce.

Dio è donna e si chiama Petrunya non è una ricerca d’aiuto da parte della sfera femminile soffocata da religione e patriarcato. È un grido di guerra, feroce ed estenuato, che vuole dire basta alla misoginia, all’ignoranza e al fanatismo religioso.

Valentina

Sintesi

Tratto da un evento realmente accaduto, Dio è donna e si chiama Petrunya di Teona Mitevska è un grido di guerra, feroce ed estenuato, che vuole dire basta alla misoginia, all'ignoranza e al fanatismo religioso.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Cinema News del 19 gennaio [Rassegna Stampa]

La prima immagine di Luca James Gunn inizia le riprese di Peacemaker Matt Damon apparentemente in Thor: Love and Thunder Brevissime Il Martin Luther...

Ava recensione film di Tate Taylor con Jessica Chastain e John Malkovich [Netflix]

Ava recensione film di Tate Taylor con Jessica Chastain, John Malkovich, Colin Farrell, Common, Geena Davis, Jess Weixler, Diana Silvers e Joan Chen Non chiamare...

I cancelli del cielo recensione film di Michael Cimino con Kris Kristofferson e Isabelle Huppert

I cancelli del cielo recensione del film di Michael Cimino con Kris Kristofferson, Isabelle Huppert, Christopher Walken, Jeff Bridges, John Hurt e Sam Waterston Dalle stelle...

Intervista ad Alessandro Grande regista del film Regina

Intervista ad Alessandro Grande, regista di Regina, film in concorso al 38° Torino Film Festival Lo abbiamo visto e recensito in occasione della 38esima edizione...

Cinema News del 18 gennaio [Rassegna Stampa]

Jane in Love Il secondo film di Michele Vannucci La storia di Laila Bertheussen Flack Il trailer di Fear of Rain Brevissime Cinema News...

WandaVision recensione serie TV con Elizabeth Olsen e Paul Bettany [Disney+]

WandaVision recensione serie TV Disney+ diretta da Jac Shaeffer con Elizabeth Olsen, Paul Bettany, Kathryn Hahn, Teyonah Parris, Kat Dennings, Randall Park, Debra Jo Rupp...

Cinema News del 17 gennaio [Rassegna Stampa]

Heart of Stone con Gal Gadot su Netflix The Tragedy of Macbeth di Joel Coen con Denzel Washington e Frances McDormand Mortal Kombat:...

L’eredità della vipera recensione film di Anthony Jerjen con Josh Hartnett [Anteprima]

L'eredità della vipera recensione film di Anthony Jerjen con Josh Hartnett, Margarita Levieva, Owen Teague, Bruce Dern, Tara Buck e Chandler Riggs Nessuno può prevedere...

Cinema News del 16 gennaio [Rassegna Stampa]

Cinema italiani chiusi fino al 5 marzo 2021 Bong Joon-ho presidente di Giuria alla Mostra del Cinema di Venezia The Last Of Us:...

Fuori orario recensione film di Martin Scorsese con Griffin Dunne [Flashback Friday]

Fuori orario recensione del film di Martin Scorsese con Griffin Dunne, Rosanna Arquette, Linda Fiorentino, Teri Garr, John Heard, Will Patton e Rocco Sisto Nonostante...