Crescendo - #makemusicnotwar

Crescendo – #makemusicnotwar recensione

Crescendo – #makemusicnotwar recensione film di Dror Zahavi con Peter Simonischek, Mehdi Meskar, Sabrina Amali, Daniel Donskoy e Eyan Pinkovitch

Crescendo, nella terminologia musicale, è un sostantivo che indica l’aumento di sonorità nell’esecuzione di un passo della composizione.
In questo caso non è solo un sostantivo, ma il titolo di un film, cioè Crescendo – #makemusicnotwar del regista israeliano Dror Zahavi, vincitore del premio onorario Cinema per la Pace nel 2020.

La pellicola, di produzione tedesca, è ispirata a una storia vera, cioè quella della fondazione della West-Eastern Divan Orchestra, composta da due popoli perennemente in lotta fra loro. Crescendo racconta la storia del direttore d’orchestra tedesco Eduard Sporck (interpretato da Peter Simonischek) che verrà assoldato dall’Unione Europea al fine di creare un’orchestra composta da musicisti palestinesi e israeliani, per organizzare un concerto al fine sensibilizzare, attraverso la musica, il dramma di queste due nazioni (Palestina e Israele) che si ritrovano in un conflitto eterno che ha avuto inizio proprio qualche anno dopo la Seconda Guerra Mondiale, nel 1948, e dopo diverse vicissitudini continua a perpetuarsi ancora ai giorni nostri con il conflitto Israele-Striscia di Gaza.

Sabrina Amali, Peter Simonischek e Daniel Donskoy
Sabrina Amali, Peter Simonischek e Daniel Donskoy

Crescendo - #makemusicnotwar recensione
Crescendo – #makemusicnotwar di Dror Zahavi

L’opera di Dror Zahavi ci mostra due realtà, quella di due popoli diversi tra loro nella cultura e nelle tradizioni ma che di rimando sono, almeno geograficamente, vicini di casa, il cui odio, tuttavia, li obbliga ad una specie di linea divisionaria che va ben oltre quella reale di confine, soprattutto simbolica e mentale. È a questo punto che il direttore di orchestra Sporck non si ritrova solo davanti a musicisti da dirigere per l’evento, ma ad un vero proprio mini conflitto interno tra persone che macerano rancore tra loro, un odio tramandato da anni e anni di guerra e conflitti.

L’arduo compito di Sporck è quindi creare armonia in un gruppo così ostile, usando la metafora della musica come gioco di squadra, come un espediente per ascoltarsi a vicenda, comprendersi ed empatizzare gli uni con gli altri. La pellicola ci mostra da un lato la contrapposizione tra due violinisti, Layla di origine palestinese (interpretata da Sabrina Amali) e Ron di origine israeliana (Daniel Donskoy) che rappresentano al meglio i conflitti interni tra i due popoli alimentando odio e malumori e dividendo così il gruppo.

Dall’altro invece abbiamo altri due ragazzi, i fiati, cioè Omar di origine palestinese (interpretato da Mehdi Meskar) e Shira di origine israeliana (interpretata da Eyan Pinkovitch) che non sembrano interessati a questa guerra perenne tra popoli, ma che piuttosto approfittano di questa esperienza per condividere le proprie origini e cercare un punto di incontro per fraternizzare ed infine innamorarsi. Infatti la pellicola mostra anche un richiamo shakespeariano tra amore, drammi, vendetta e odio.

Mehdi Meskar e Eyan Pinkovitch
Mehdi Meskar e Eyan Pinkovitch

Crescendo - #makemusicnotwar recensione
Crescendo – #makemusicnotwar di Dror Zahavi

Crescendo non è solo letteralmente un viaggio tra Medio Oriente e Europa, ma anche un viaggio di crescita interiore la cui musica aiuta, come linguaggio universale, a creare armonia, un lavoro di squadra doveroso che aiuta le persone ad avvicinarsi e non a dividersi. Un film dove la musica si sente poco, ma è proprio attraverso essa che riesce ad estrapolare l’essenza del momento, il che ne rende ancora più potente il significato.

Crescendo esprime appieno il significato di questo sostantivo attraverso una narrazione lineare, drammatica ed intensa, mostrandoci una visione di una realtà che è conosciuta solo parzialmente, ma che andrebbe approfondita anche se non ci tocca in prima persona, perché come essere umani non possiamo ignorare una guerra che distrugge intere generazioni tra vittime e sopravvissuti che crescono fomentando odio e vendetta.

Un dramma che, anche grazie all’opera di Dror Zahavi, va conosciuto, compreso e dissipato in nome della pace, abbattendo i muri della divisione etnica ed ideologica che affliggono ancora questa parte di mondo.

Sintesi

L'opera di Dror Zahavi cerca di abbattere le barriere ideologiche tra palestinesi ed israeliani, due popoli costretti a vivere in uno stato di perenne conflitto politico e sociale tramandato di generazione in generazione. Crescendo rappresenta un viaggio di crescita interiore in cui il linguaggio universale della musica aiuta a creare armonia, spingendo gli uomini ad avvicinarsi e non a dividersi.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Seven recensione film di David Fincher con Morgan Freeman e Brad Pitt

Seven recensione del film di David Fincher, con Morgan Freeman, Brad Pitt, Gwyneth Paltrow e Kevin Spacey Nell'estate del 1995 le platee americane vennero prese...

Cinema News del 28 novembre [Rassegna Stampa]

Godzilla vs. Kong: Netflix vs. HBO Max per l'uscita streaming Il trailer di Happiest Season con Kristen Stewart e Mackenzie Davis Franco Nero ritorna...

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe [TFF 38]

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe con Brian Ritchie presentato al Torino Film Festival 38 Avere figli significa...

Regina recensione film di Alessandro Grande con Ginevra Francesconi [TFF 38]

Regina recensione film di Alessandro Grande con Francesco Montanari, Ginevra Francesconi, Barbara Giordano e Max Mazzotta al Torino Film Festival 38 Unico alfiere a rappresentare l’Italia...

Strange Days recensione film di Kathryn Bigelow [Flashback Friday]

Strange Days recensione del film di Kathryn Bigelow con Ralph Fiennes, Angela Bassett, Juliette Lewis, Vincent D'Onofrio, William Fichtner e Tom Sizemore Dopo Point Break -...

Cinema News del 27 novembre [Rassegna Stampa]

Addio a Daria Nicolodi I progetti di Alex Garland Álex de la Iglesia e la Veneciafrenia La Radioscopie di Claire Denis Les promesses...

Pixar: i migliori film da vedere assolutamente [Throwback Thursday]

Le opere Pixar fanno parte della nostra infanzia ed adolescenza, grazie ai molti lungometraggi che ci hanno scaldato il cuore. Vediamo i cinque migliori...

Black Friday Amazon 2020: LEGO offerte Avengers, Jurassic World, Star Wars, Disney e Batman

Black Friday Amazon 2020: in offerta i set LEGO di Avengers, Jurassic World, Star Wars, Disney, Batman, The Mandalorian, Harry Potter e Fast &...

Cinema News del 26 novembre [Rassegna Stampa]

Mads Grindelwald Clifford il grande cane rosso The Mauritanian Amore e malattia in Life in a Year Amore e malattia in Little Fish ...

Botox recensione film di Kaveh Mazaheri con Sussan Parvar [TFF 38]

Botox recensione film di Kaveh Mazaheri con Sussan Parvar, Mahdokht Molaei, Soroush Saeidi, Mohsen Kiani e Morteza Khanjani al Torino Film Festival 38 Il cinema iraniano...