Colorless

Colorless recensione [FEFF 22]

Colorless recensione film di Takashi Koyama con Daichi Kaneko, Ruka Ishikawa, Kenta Maeno, Shuntaro YanagiSakurako Konishi

Nella maggior parte dei drammi romantici giapponesi, i j-dramas o dorama, la rappresentazione dell’amore tra due persone è rappresentata secondo lo standard di un amore pulito, incontaminato da tradimenti, e in quelli più adolescenziali si arriva all’amore platonico e alla candida innocenza.

MadMass.it consiglia (by Amazon)

Ciò però non accade in Colorless, opera prima di Takashi Koyama presentata al Far East Film Festival 2020, tratta da una sceneggiatura già premiata in passato durante un concorso di trailer per futuri film da produrre e in cui il perno centrale sul quale gira l’intera narrazione è un oscuramento di tale dinamiche, una rappresentazione del marcio della realtà e della società giapponese.

Daichi Kaneko e Ruka Ishikawa
Daichi Kaneko e Ruka Ishikawa

MadMass.it consiglia (by Amazon)

Shu (Daichi Kaneko), giovanissimo fotografo, e un’altrettante giovanissima aspirante attrice e modella, Yuka (Ruka Ishikawa), finiscono per incontrarsi e lavorare assieme ad un book fotografico.
È l’occasione giusta per provarci, si tentano i primi approcci, la cosa non sembra andare benissimo, ci si rincontra e la relazione sembra poi prendere piede, ma non prima di un discorso su quanto innamorarsi e stare assieme abbia senso o meno.
Come spesso capita l’inizio di un nuovo “amore” non significa la fine della relazione precedente e provare nuovi sentimenti non significa annullare i vecchi; nella vita di Yuka c’è infatti ancora un ex, molesto e menefreghista e ben presto Shu se ne renderà conto.
Verso la fine dell’estate Shu diventerà poi un importante e richiesto fotografo, mentre Yuka cercherà di continuare la sua professione di modella divenendo sempre più incolore, sempre più indefinita, problematica, da qui le cose si complicheranno sempre di più fino ad arrivare ad un climax finale che è forse l’unico vero momento d’impatto del film.

Ruka Ishikawa
Ruka Ishikawa in Colorless

– Che tipo di persona sei?
– Che tipo di persona, dice?
Ehm… dicono che sono una persona solare.
No, cosa penso io vuole sapere?
Che tipo di persona sono?
Non voglio saperlo.
(Ruka Ishikawa in Colorless)

Koyama, regista e co-sceneggiatore, opta per un racconto dall’ordine non cronologico suddividendo la pellicola in tre capitoli: giugno-luglio 2019, marzo-giugno 2019, dopo l’agosto 2019. È nel secondo capitolo che lo spettatore avrà un insight lungo e profondo delle amicizie, degli amori, degli sbagli e dei misteri della vita di Yuka; uno su tutti il suo lavoro di massaggiatrice “speciale” in un centro benessere e il suo rapporto stretto con il futuro redattore dell’agenzia fotografica nella quale Shu inizierà a lavorare di lì a poco.

L’intento è chiaro, evitare il giudizio morale e lasciare allo spettatore la scelta di come rispondere al meglio alla domanda dell’intervistatore di cui sopra.

Daichi Kaneko
Daichi Kaneko

Colorless recensione [FEFF 22]
Shuntaro Yanagi
Cosa non funziona allora in Colorless? Forse la lunghezza, che vede la storia trascinarsi per le lunghe; o forse è il tema, così abusato da risultare stancante per com’è qui trattato.

Chiunque sia stato innamorato potrebbe empatizzare con i due personaggi, se non fosse per un fastidio generale che si prova per quasi tutti loro, capaci da un lato di appassionare per sequenze intere e dall’altro di perdere di mordente per altrettante lunghe scene; la fotografia inoltre è fin troppo semplice e funzionale a se stessa, la colonna sonora non scandisce alcun momento in particolare per poi ricomparire all’improvviso quando non se ne sente il bisogno, l’atmosfera è un continuo passare da momenti tranquilli ad altri pregni di misoginia, sessismo, abusi ed oggettificazione di una protagonista che non sempre riesce a stare nella parte e convincere lo spettatore.

C’è chi ha ravvisato una somiglianza tra Colorless e Io la conoscevo bene del 1965, diretto da Antonio Pietrangeli con Stefania Sandrelli, Ugo Tognazzi e Mario Adorf. Ve lo citiamo con la speranza che possa colmare le mancanze che il film di Koyama ha purtroppo mostrato.

Sintesi

Alla sua opera prima Takashi Koyama ha il coraggio di rappresentare un amore imperfetto assai distante da quello da favola dei dorama giapponesi, in un film tuttavia tedioso e privo di mordente nel quale anche gli interpreti non riescono a fare pienamente presa sullo spettatore.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Il buono, il brutto, il cattivo recensione

Il buono, il brutto, il cattivo recensione del terzo capitolo della Trilogia del Dollaro di Sergio Leone con Clint Eastwood, Lee Van Cleef ed Eli...

Mio zio recensione [Flashback Friday]

Mio zio recensione del film diretto e interpretato da Jacques Tati con Alain Bécourt, Jean-Pierre Zola e Adrienne Servantie Il cinema di Jacques Tati (Giorno di...

Cine Rassegna Stampa del 7 agosto

Cine Rassegna Stampa del 7 agosto: i trailer di Sto pensando di finirla qui di Charlie Kaufman e di Judas and the Black Messiah...

Coffee and Cigarettes recensione (versione restaurata)

Coffee and Cigarettes recensione film di Jim Jarmusch in edizione restaurata con Roberto Benigni, Steven Wright, Joie Lee, Tom Waits, Cinqué Lee, Steve Buscemi,...

Buon compleanno M. Night Shyamalan: i suoi migliori film [Throwback Thursday]

M. Night Shyamalan compie 50 anni: ripercorriamo i migliori successi del regista dai finali a sorpresa Il 6 agosto del 1970 nasceva M. Night Shyamalan,...

Cine Rassegna Stampa del 6 agosto

Cine Rassegna Stampa del 6 agosto: Tom Hanks Geppetto per Pinocchio di Robert Zemeckis, Ryan Reynolds a caccia di mostri in Everyday Parenting Tips,...

Il dottor Stranamore recensione

Il dottor Stranamore - Ovvero: come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba recensione del film di Stanley Kubrick con Peter...

Burning – L’amore brucia recensione

Burning - L'amore brucia recensione film di Chang-dong Lee con Ah-In Yoo, Steven Yeun, Jong-seo Jun, Soo-Kyung Kim e Seong-kun Mun Nel panorama letterario contemporaneo...

Cine Rassegna Stampa del 5 agosto

Cine Rassegna Stampa del 5 agosto: Mulan esce direttamente in streaming su Disney+, il trailer di Ratched, la serie Netflix di Ryan Murphy spin-off...

Cine Rassegna Stampa del 4 agosto

Cine Rassegna Stampa del 4 agosto: La donna alla finestra di Joe Wright con Amy Adams passa a Netflix, le prime immagini di The...