Chimera

Chimera (Braid) recensione film di Mitzi Peirone con Imogen Waterhouse e Sarah Hay

Chimera (Braid) recensione film di Mitzi Peirone con Imogen Waterhouse, Sarah Hay, Madeline Brewer, Scott Cohen e Brad Calcaterra

In Chimera (Braid) Petula (Imogen Waterhouse) e Tilda (Sarah Hay) si guadagnano da vivere spacciando droga. Ricercate dalla polizia e senza un soldo decidono di fare il loro ultimo colpo: rapinare la loro amica d’infanzia Daphne (Madeline Brewer).

Lei abita da sola in una grande villa e ha molti soldi. Ma c’è un grosso problema: la ragazza vive in un mondo immaginario creato dai traumi dell’infanzia e dall’impossibilità di avere figli. Nella sua fantasia le amiche sono i pilastri fondamentali di un gioco di ruolo, in cui una è sua figlia, l’altra il dottore mentre lei ha la funzione di mamma.

Le regole sono semplici: 1) Tutti giocano 2) Nessuno esce di casa 3) Gli estranei non sono ammessi. Mentre Daphne si attiene alle regole come se nient’altro esistesse nella sua vita, Petula e Tilda cercano la cassaforte per rubare tutti i soldi.

Imogen Waterhouse
Imogen Waterhouse (Credits: Blue Swan Entertainment)
Imogen Waterhouse, Sarah Hay e Madeline Brewer
Imogen Waterhouse, Sarah Hay e Madeline Brewer (Credits: Blue Swan Entertainment)

L’esordio dell’italiana Mitzi Peirone è senza dubbio una scommessa rischiosa e una proposta originale nel genere del thriller psicologico.

L’impatto visivo è forte grazie ad una splendida fotografia e ad una macchina da presa costantemente in movimento, capace di sfumare sapientemente il confine tra il reale e l’immaginario. In Chimera (Braid) le scene sono stimolanti nonostante la trama, in alcuni passaggi, sia confusa o disorganica.

Verso la fine c’è l’intento di spiegare l’epilogo e di rendere tutto più sensato, ma lo sforzo non riesce a coprire alcune carenze nella sceneggiatura. I primi venti minuti di visione fanno temere il peggio ma fortunatamente poi la storia si evolve e si sviluppa man mano.

Sarah Hay
Sarah Hay (Credits: Blue Swan Entertainment)
Chimera recensione film di Mitzi Peirone con Imogen Waterhouse e Sarah Hay
Chimera di Mitzi Peirone (Credits: Blue Swan Entertainment)

La regista mette in scena un tourbillon istrionico e vertiginoso, trasmettendo perfettamente la follia che vuole raccontare. Il film – anche grazie al cast, quasi esclusivamente femminile – offre una grazia visiva e ritmica oltre ad offrire una dissezione dell’amicizia femminile in una atmosfera a tratti soffocante.

Se siamo disposti a goderci il viaggio senza troppe riflessioni o ricerca della verità, sicuramente il risultato della visione sarà appagante sia per gli aspetti tecnici che per le interpretazioni.

In ogni caso è giusto tenere sottocchio la Peirone per vedere se Chimera rimarrà un miraggio o l’inizio di una interessante carriera da regista.

Sintesi

La sceneggiatura contorta e lo stile sgargiante mantengono lo spettatore in tensione con un thriller psicologico tutto al femminile. Un debutto audace della regista italiana Mitzi Peirone che vale la pena guardare.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

La sceneggiatura contorta e lo stile sgargiante mantengono lo spettatore in tensione con un thriller psicologico tutto al femminile. Un debutto audace della regista italiana Mitzi Peirone che vale la pena guardare.Chimera (Braid) recensione film di Mitzi Peirone con Imogen Waterhouse e Sarah Hay