A Thousand Hours

A Thousand Hours recensione film di Carl Moberg con Josefine Tvermoes [RomaFF16]

La recensione di A Thousand Hours, film di Carl Moberg nella selezione ufficiale della 16° edizione della Festa del Cinema di Roma

A Thousand Hours recensione film di Carl Moberg con Josefine Tvermoes, Niels Anders Manley, Alba August, Kenneth M. Christensen e Anna Asp

Alla Festa del Cinema di Roma non c’è spazio solo per gli eventi cinematografici più attesi dell’anno, magari in lizza per la corsa all’Oscar, ma anche per quei film che molto probabilmente non avranno un’ampia distribuzione in sala, passando per la maggior parte nel paese d’origine o nei circuiti più ristretti. Riprova di ciò è la confessione del regista di A Thousand Hours (in danese, Tusind Timer), Carl Moberg, che ha riferito a chi ha assistito alla proiezione stampa del fatto che probabilmente eravamo le prime persone a vedere il film sul grande schermo.

MadMass.it consiglia by Amazon

Questa pellicola, fortemente legata alla sua origine, tra il fiammingo e il mitteleuropeo, propone una storia semplice, a tratti banale. I protagonisti Anna (Josefine Tvermoes) e Thomas (Niels Anders Manley) si ritrovano a dover affrontare il lutto di un loro caro amico, nonché batterista della band nella quale suonano. Non sapendo bene come procedere dopo questa tragedia, si ritrovano a dividersi, nonostante una certa attrazione reciproca. Il film esamina o, meglio, assiste indifferente a questo processo di crescita e focalizzazione dei propri obiettivi, proponendo una traiettoria narrativa scoordinata e scissa, esattamente come le preoccupazioni e i dubbi dei due giovani.

Josefine Tvermoes e Kenneth M. Christensen
Josefine Tvermoes e Kenneth M. Christensen (Credits: Filter Film/Normail film)

Alba August e Josefine Tvermoes
Alba August e Josefine Tvermoes (Credits: Filter Film/Normail film)

Nonostante l’evidente natura indipendente, sottolineata da un regista polivalente, che si è destreggiato in modo un po’ claudicante anche nella scrittura, nel montaggio (forse il punto più debole dell’intera opera, sia a livello visivo che sonoro) e nella produzione, A Thousand Hours si dimostra un film intimo e genuino, che spinge sulle sensazioni e le parole non dette piuttosto che sull’accortezza tecnica e visiva.

Va detto, però, che per essere una pellicola incentrata sulla musica, questa non riesce mai veramente a spiccare, spesso interrotta e spezzata. Tuttavia, quella che può essere vista come una mancanza, può benissimo essere interpretata anche come lo specchio visuale della relazione tra i due protagonisti, la cui chimica su schermo irradia la scena, rendendo superfluo ogni sorta di imbellettamento tecnico.

Javier Manik e Josefine Tvermoes
Javier Manik e Josefine Tvermoes (Credits: Filter Film/Normail film)

Ferdinand Falsen Hiis, Anna Asp, Josefine Tvermoes e Niels Anders Manley
Ferdinand Falsen Hiis, Anna Asp, Josefine Tvermoes e Niels Anders Manley (Credits: Filter Film/Normail film)

Alba August e Josefine Tvermoes
Alba August e Josefine Tvermoes (Credits: Filter Film/Normail film)

Josefine Tvermoes e Kenneth M. Christensen
Josefine Tvermoes e Kenneth M. Christensen (Credits: Filter Film/Normail film)

A Thousand Hours recensione film di Carl Moberg con Josefine Tvermoes
A Thousand Hours di Carl Moberg con Josefine Tvermoes, Niels Anders Manley e Alba August (Credits: Filter Film/Normail film)

Sintesi

A Thousand Hours rimane un prodotto dal sapore incompleto, alla maniera delle vicende che vedono protagonisti Anna e Thomas, incapaci di dialogare tra loro e di esprimere i reciproci sentimenti. Per quanto possa suonare strano, la disarmonia tecnica e le piccole incongruenze visive sembrano fondare e conferire struttura alla pellicola, potenziandone la forza espressiva e portando il film in uno stato di sospensione squisitamente cinematografica in grado di ammaliare.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli