Oltre il muro

Oltre il muro recensione film di Vahid Jalilvand con Diana Habibi [Venezia 79]

Oltre il muro recensione film di Vahid Jalilvand con Navid Mohammadzadeh, Diana Habibi, Amir Aghaee, Saeed Dakh, Danial Kheirikhah e Alireza Kamali

In maniera del tutto arbitraria, l’Occidente si è ritagliato una posizione privilegiata nel mondo benestante. Questo comporta non conoscere più i suoni della guerra, della distruzione e in più in generale della violenza, offerta in omaggio a mondi sufficientemente lontani. Si può programmare, si può scegliere, si può plasmare la propria vita. Qualcuno addirittura pensa che tutto questo sia un problema, giustificato da un impoverimento sociale e culturale diretta conseguenza di un progresso posto come stella polare. Il nostro cinema può sconfinare nell’intrattenimento e regalarci pause dalla produttività.

Vahid Jalilvand, invece, si trova a fare il regista in un mondo altro, con priorità diverse e una dimensione tragica che ha molti punti di contatto con la quotidianità. Che cinema fuoriesce in un contesto così? Il regista iraniano sente la necessità di trovare della speranza nel fragore della miseria, di nascondere barlumi in posti oscuri. Oltre il muro Shab, Dakheli, Divar non si esime dal racconto del regime iraniano e della sua oppressione ma gioca con i residui del sogno per andare avanti.

Diana Habibi
Diana Habibi (Credits: Ali Jalilvand)
Navid Mohammadzadeh
Navid Mohammadzadeh (Credits: Ali Jalilvand)

LEGGI ANCORA: Venezia 79, tutte le recensioni in diretta dalla Mostra del Cinema

Alì (Navid Mohammadzadeh) si sta suicidando nella sua spoglia casa quando il film comincia. Ha ammesso la sua resa alla realtà del cose: è solo, prossimo alla cecità e senza speranza. In realtà, è in una particolare sala di montaggio: nella sua testa sta ricostruendo le ultime ore che lo hanno portato in una prigione di stato, quelle in cui ha conosciuto Nasrin (Diana Habibi), una donna in fuga per ritrovare suo figlio. Alì sta proiettando i suoi sogni sulla realtà per sopravvivere.

Oltre il muro Shab, Dakheli, Divar cerca di sopperire alle privazioni dell’esistenza con il flusso di immagini registrato dalla mente. Si realizza un’interpolazione tra realtà e passato prossimo come se Chi ha incastrato Roger Rabbit fosse catapultato nelle rivolte iraniane. Non c’è speranza all’infuori di quella a cui abbiamo contribuito in prima persona, soltanto l’umanità concorre a renderla possibile. In un altro mondo, il cinema trattiene le persone dalla morte.

Sintesi

Oltre il muro cerca di sopperire alle privazioni dell'esistenza con il flusso di immagini registrato dalla mente. Si realizza un'interpolazione tra realtà e passato prossimo come se Chi ha incastrato Roger Rabbit fosse catapultato nelle rivolte iraniane. Non c'è speranza all'infuori di quella a cui abbiamo contribuito in prima persona, soltanto l'umanità concorre a renderla possibile. In un altro mondo, il cinema trattiene le persone dalla morte.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Oltre il muro recensione film di Vahid Jalilvand con Diana Habibi [Venezia 79]Oltre il muro cerca di sopperire alle privazioni dell'esistenza con il flusso di immagini registrato dalla mente. Si realizza un'interpolazione tra realtà e passato prossimo come se Chi ha incastrato Roger Rabbit fosse catapultato nelle rivolte iraniane. Non c'è speranza all'infuori di quella a cui abbiamo contribuito in prima persona, soltanto l'umanità concorre a renderla possibile. In un altro mondo, il cinema trattiene le persone dalla morte.