Cheerful Wind

Cheerful Wind recensione [FEFF 22]

Cheerful Wind recensione film di Hou Hsiao-Hsien con Fei Fei Feng, Kenny Bee, Anthony Chan, Ying Shih, Wan-Sheng Chou, Ling Wu e Hui-Fen Chuang

Il catalogo del FEFF 22 è ampio e ce n’è per tutti i gusti, ma è questo l’unico film degli anni ’80 presentato dal Far East Film Festival 2020, una scelta anacronistica ma che strizza l’occhio agli amanti del cineasta di Taiwan ma di origine cinese Hou Hsiao-Hsien, capostipite della Nouvelle Vague taiwanese.
Una pellicola che in tanti aspettavano e che acquista oggi una nuova luce, più fresca e piacevole, grazie ai colori e alla qualità d’immagine raggiunti in fase di restauro.

Fei Fei Feng
Fei Fei Feng
Fei Fei Feng e Kenny Bee
Fei Fei Feng e Kenny Bee

Aprendosi con un esercizio di metacinema nel quale il regista filma registi che filmano comparse e attori sul set di uno spot pubblicitario, arriverà ben presto a svilupparsi in una commedia romantica dai toni dolci e a tratti malinconici (ma non troppo), sfondo di un rapporto particolare, un corteggiamento reciproco tra una fotografa e un uomo cieco, ben suscettibile alle illusioni ma che ben presto (grazie alla medicina moderna) potrebbe tornare a vedere ed essere in grado di schiarirsi le idee per avere un quadro d’insieme della donna che gli sta accanto.

Non manca la dignità morale dei genitori di lei che vogliono scegliere l’uomo giusto per starle accanto e quella di una preside intransigente, personaggi ostacolo che la protagonista cerca di affrontare sempre col sorriso sulle labbra.

Cheerful Wind di Hou Hsiao-Hsien
Cheerful Wind di Hou Hsiao-Hsien
Cheerful Wind di Hou Hsiao-Hsien
Cheerful Wind di Hou Hsiao-Hsien

È un cinema questo ancora acerbo, un primissimo Hou Hsiao-Hsien che ancora doveva sviluppare un occhio attento e singolare, che preannunciava un minimo I ragazzi di Feng Kuei con quel vento a fare da sfondo ai giochi dei bambini; un tipo di cinema che piace ma divide, annoia o fa innamorare chi lo guarda; come al solito è lo spettatore a decidere, ma per approfondire la Nouvelle Vague taiwanese Cheerful Wind potrebbe essere un punto di partenza carino e godibile.

Sintesi

Capostipite della Nouvelle Vague taiwanese, Hou Hsiao-Hsien sviluppa una commedia romantica dai toni dolci e a tratti malinconici in Cheerful Wind, pellicola acerba che acquista oggi una nuova luce, più fresca e piacevole, grazie ai colori e alla qualità d'immagine raggiunti in fase di restauro.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Cheerful Wind recensione [FEFF 22]Capostipite della Nouvelle Vague taiwanese, Hou Hsiao-Hsien sviluppa una commedia romantica dai toni dolci e a tratti malinconici in Cheerful Wind, pellicola acerba che acquista oggi una nuova luce, più fresca e piacevole, grazie ai colori e alla qualità d'immagine raggiunti in fase di restauro.