C’è un soffio di vita soltanto

C’è un soffio di vita soltanto recensione film di Matteo Botrugno e Daniele Coluccini con Lucy Salani [TFF 39]

C’è un soffio di vita soltanto è un docufilm che racconta la vita della transessuale Lucy Salani tra abusi di ogni tipo e voglia di combattere per l'identità di genere: la recensione in diretta dal TFF 39

C’è un soffio di vita soltanto recensione documentario di Matteo Botrugno e Daniele Coluccini con Lucy Salani, Porpora Marcasciano e Simone Cangelosi

Abusi su abusi nel lento incedere della vita della transessuale più anziana d’Italia.
Un messaggio pieno di speranza a tutta l’umanità che ha sentito solo parlare della deportazione nel campo di concentramento di Dachau, senza mai provare a comprenderne le conseguenze. Presentato in anteprima fuori concorso alla 39ª edizione del Torino Film Festival, C’è un soffio di vita soltanto parla di vita. Senza dimenticare mai da dove si viene, i propri valori e i proprio principi. Una donna forte nell’animo che non si è mai fermata davanti a un mondo che condanna la diversità sessuale.

Lucy Salani racconta una parte importante della sua vita. Dall’abuso fin da bambina da parte di un prete, si passa alle prime marchette fino alle deportazione nel campo di concentramento e il cambio di sesso. Combatte la discriminazione con coraggio e determinazione negli anni più terribili che la storia possa ricordare. Anni in cui odiare il diverso era fin troppo facile nella mentalità superiore della razza ariana. Ad avercene ancora di donne così, che non hanno paura di lottare per i propri diritti.

Lucy Salani a Dachau
Lucy Salani a Dachau (Credits: TFF 39)
C’è un soffio di vita soltanto recensione film con Lucy Salani
C’è un soffio di vita soltanto documentario di Matteo Botrugno e Daniele Coluccini con Lucy Salani (Credits: TFF 39)

Matteo Brotugno e Daniele Coluccini, nel loro primo documentario, inquadrano un racconto fatto di violenza e atrocità di una donna di novantacinque anni che di orrore ne ha visto parecchio, oltre che subirlo sulla propria pelle.

Un racconto molto attuale che pone al centro l’identità di genere e vuole far riflettere sul mantenere inalterata la propria personalità, nonostante la società non veda di buon occhio persone che si considerano diverse dal proprio sesso. E per questo definite “anormali”.

Una testimonianza molto intima e agghiacciante che tenta di andare oltre la verità. Ci si aspetta, magari, che immagini vere sull’orrore della Shoah possano riempire lo schermo per rendere la storia ancora più macabra. E, invece, la sensazione di brivido freddo che si prova è dettata esclusivamente dalla parola, dalla voce flebile che racconta l’animale più feroce che esiste in natura: l’uomo.

Lucy Salani
Lucy Salani (Credits: TFF 39)
C’è un soffio di vita soltanto recensione film con Lucy Salani
C’è un soffio di vita soltanto documentario di Matteo Botrugno e Daniele Coluccini con Lucy Salani (Credits: TFF 39)

Doloroso sentire uno strazio tale, come doloroso diventa il concetto che, man mano che si va avanti, la superficialità della vita sta vincendo la battaglia contro la concretezza dei fatti. L’immaginario collettivo sta prendendo possesso dei ricordi e li sta trasformando nel nulla più totale. Dimenticando, però, che lo scenario più brutale ha cambiato la vita di molti e che bisognerebbe più mostrare che semplicemente leggere.

Non c’è solo l’intenzione di raccontare. C’è un ricordo di sopravvivenza intatto che non andrà più via, che non si può eliminare con un soffio di voce. Resta, fa male, ma va commemorato sempre.

Sintesi

La storia di coraggio e determinazione della transessuale più anziana d’Italia, dal ricordo di sopravvivenza negli anni più terribili che l'umanità possa ricordare alle lotte odierne per l’identità di genere: il documentario di Matteo Botrugno e Daniele Coluccini è una riflessione attuale in cui non c’è solo l’intenzione di raccontare, ma la volontà di mantenere vivida l’essenza della diversità.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

La storia di coraggio e determinazione della transessuale più anziana d’Italia, dal ricordo di sopravvivenza negli anni più terribili che l'umanità possa ricordare alle lotte odierne per l’identità di genere: il documentario di Matteo Botrugno e Daniele Coluccini è una riflessione attuale in cui non c’è solo l’intenzione di raccontare, ma la volontà di mantenere vivida l’essenza della diversità. C’è un soffio di vita soltanto recensione film di Matteo Botrugno e Daniele Coluccini con Lucy Salani [TFF 39]