Bob Marley: One Love

Bob Marley: One Love recensione film di Reinaldo Marcus Green con Kingsley Ben-Adir [Anteprima]

Per la prima volta la storia di Bob Marley viene portata sul grande schermo. Un omaggio a un’artista rivoluzionario ancora oggi icona della musica reggae.

Bob Marley: One Love recensione film di Reinaldo Marcus Green con Kingsley Ben-Adir, Lashana Lynch, James Norton, Tosin Cole, Umi Myers e Anthony Welsh [Anteprima]

di Giulia Spadaro

Bob Marley: One Love (Credits: Paramount Pictures)
Bob Marley: One Love (Credits: Paramount Pictures)

Il cantante giamaicano Bob Marley è per la prima volta protagonista di un biopic, Bob Marley: One Love, diretto da Reinaldo Marcus Green (Una famiglia vincente – King Richard).

Il leggendario musicista è interpretato da Kingsley Ben-Adir, recentemente visto in Barbie e nelle miniserie Marvel Secret Invasion. Nel cast anche Lashana Lynch (No Time to Die e Captain Marvel) nel ruolo della moglie Rita Marley e James Norton, che interpreta il produttore discografico Chris Blackwell.

Il film racconta e celebra la vita di un’icona musicale, portando sul grande schermo la sua straordinaria storia; artista rivoluzionario del reggae, che ancora oggi ispira intere generazioni attraverso il suo messaggio di amore e unità.

La famiglia Marley, composta dal figlio Ziggy, la moglie Rita e la figlia Cedella, ha sostenuto e partecipato attivamente alla realizzazione del lungometraggio, assumendo anche il ruolo di produttori del progetto.

Giamaica, 1976: la tensione politica tra le fazioni rivali è alle stelle. A seguito di un fallito tentativo di omicidio, Bob Marley decide di partire per Londra, dove registra insieme alla sua band, i Wailers, l’album Exodus. La storia si concentra sulla realizzazione di questo disco, che consacra il cantautore a livello mondiale e culmina con il concerto per la pace One Love, organizzato da Marley nella capitale giamaicana Kingston per placare le tensioni politiche nel paese.

Tema portante è la fede, sempre centrale nella vita del cantante, che ancora oggi è considerato simbolo del movimento rastafariano e della musica reggae giamaicana, da sempre veicolo di messaggi di armonia e libertà. Anche la politica, sempre presente, è un filo conduttore ed è strettamente legata alla sua produzione artistica e al suo impegno sociale.

Vengono approfonditi alcuni aspetti della vita privata di Marley, come il rapporto con la moglie, da sempre al suo fianco, ma anche la scoperta della malattia: un melanoma al piede che ne causerà la morte a soli 36 anni.

Bob Marley non è solo un nome, ma anche un simbolo, capace di unire una nazione intera.

La musica è il fulcro della storia, utilizzata per ripercorrere alcuni momenti salienti. Troviamo alcuni dei brani più conosciuti da Get Up, Stand Up, No Woman, No Cry, Jamming per arrivare a Redemption Song.

Bob Marley: One Love (Credits: Paramount Pictures)
Bob Marley: One Love (Credits: Paramount Pictures)

Kingsley Ben-Adir si trasforma in un Bob Marley a 360 gradi e dedica tutto sé stesso a questa interpretazione, anche nelle performance musicali, offrendone un ritratto autentico e convincente, ricco di intensità.

È sorprendente che solo oggi arrivi questo biopic, vista la tendenza a realizzare sempre più film biografici, che negli ultimi anni hanno visto come protagonisti grandi nomi della musica, da Freddie Mercury a Elton John.

Bob Marley: One Love intrattiene lo spettatore, le performance musicali sono coinvolgenti, ma soprattutto ripropone i messaggi di pace, libertà e speranza delle canzoni del cantante, ancora oggi attuali.

 

 

Sintesi

In un’epoca dominata dai biopic, Bob Marley: One Love, porta per la prima volta sul grande schermo la storia di Bob Marley, ancora oggi icona della musica reggae. Kingsley Ben-Adir convince nella sua interpretazione di Marley, offrendone un ritratto autentico e intenso. Nel film viene raccontata la storia di un artista rivoluzionario, approfondendo vari aspetti della sua vita, dalla fede all’impegno per la pace, celebrandone l’eredità artistica e umana

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da sei anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

In un’epoca dominata dai biopic, Bob Marley: One Love, porta per la prima volta sul grande schermo la storia di Bob Marley, ancora oggi icona della musica reggae. Kingsley Ben-Adir convince nella sua interpretazione di Marley, offrendone un ritratto autentico e intenso. Nel film viene raccontata la storia di un artista rivoluzionario, approfondendo vari aspetti della sua vita, dalla fede all’impegno per la pace, celebrandone l’eredità artistica e umana Bob Marley: One Love recensione film di Reinaldo Marcus Green con Kingsley Ben-Adir [Anteprima]