U-Boot 96

U-Boot 96 recensione film di Wolfgang Petersen [Flashback Friday]

U-Boot 96 recensione del film di Wolfgang Petersen con Jurgen Prochnow, Herbert Gronemeyer e Klaus Wennemann

Non sarà stato affatto facile, per il popolo tedesco, accettare il ruolo di nemici della libertà del mondo occidentale per i crimini di guerra commessi durante la Seconda Guerra Mondiale. Il tradimento di un’ideologia populista radicata, la follia di uno statista seguito – dai più – ciecamente, la politica antisemita e i campi di sterminio.
A quasi quarant’anni di distanza dalla fine delle ostilità, Wolfgang Petersen (Troy, La storia infinita) con il suo U-Boot 96 (1981) cerca di riabilitare, per mezzo del cinema, il buon nome dei propri soldati e di un intero popolo in una delle pellicole antimilitariste più incisive mai realizzate.

Jurgen Prochnow in una scena di U-Boot 96
Jurgen Prochnow in una scena de U-Boot 96 (1981) di Wolfgang Petersen

Una storia vera il cui obiettivo, per Petersen, era quello di guidare il pubblico “in un viaggio ai limiti della mente umana”, ovvero di provare a vestire i panni degli uomini appartenenti alla fazione nemica. Al centro del racconto di U-Boot 96, infatti, troviamo non tanto la glorificazione dei nazisti e dell’ideologia, quanto l’umanità di chi indossa la divisa. Un’opera bellica decisamente atipica nella sua connotazione umana, sulla scia delle teorizzazioni del filosofo politico Karl Jaspers e in particolare del suo La questione della colpa: Sulla responsabilità politica della Germania (1946).

U-Boot 96: sinossi 

Tratto dall’omonimo romanzo del 1973 di Lothar-Günther Buchheim, Das Boot racconta l’epica drammatica dell’U-96 e del suo equipaggio, che nell’ottobre del 1941 ha l’incarico di andare in missione dalla base a La Rochelle sino a La Spezia. Il tenente Werner (Herbert Gronemeyer) viene nominato corrispondente di guerra.

Herbert Gronemeyer in Das Boot (1981) di Wolfgang Petersen
Herbert Gronemeyer in una scena di U-Boot 96 (1981) di Wolfgang Petersen

Sotto la guida del comandante Der Alte/il vecchio (Jurgen Prochnow) e del capo-ingegnere Fritz Garde (Klaus Wennemann), il tenente faticherà ad ambientarsi ma ben presto scoprirà la durezza della guerra.
Tra attese snervanti, sbornie, sporcizia, promiscuità, momenti ilari e drammatici, quello dell’U-96 sarà un viaggio caratterizzato da umanità, errori di valutazione e cambi di rotta.

La destrutturazione del racconto bellico di Petersen

Già la sequenza d’apertura – con cui Petersen oppone alla grandiosità del totale dell’U-96 l’introduzione dei personaggi in un contesto scenico di totale informalità e ilarità – è espressione di come U-Boot 96 abbia un chiaro intento di destrutturazione narrativa dei topoi del genere.
Petersen declina così una struttura narrativa cucita addosso a un racconto tanto ricco di particolari scenici e caratteriali – e dal minutaggio maestoso – quanto lineare e semplice nel suo dispiegarsi.

Una scena di Das Boot (1981) di Wolfgang Petersen
Una scena di U-Boot 96 (1981) di Wolfgang Petersen

Nella sua apparente semplicità infatti, U-Boot 96 realizza un intreccio solido con cui Petersen riesce a far convivere momenti umani e leggeri e altri più drammatici e introspettivi; e infine dinamici e marcatamente bellici. Grazie anche a una regia che sa ben gestire il respiro scenico e i cambiamenti di ritmo, essenziali per dare vivacità a un racconto così variegato.

L’antimilitarismo di U-Boot 96

Elementi riconducibili alla barba che cresce, alla sporcizia e alla puzza all’interno del sommergibile, alle piattole sui corpi dei soldati, alle scorte che vanno a finire – ravvisabili nel cibo mangiato dagli Ufficiali sempre meno elaborato – sino alle mosche sul muro e a molto altro ancora. Piccoli particolari, ora scenici, ora caratteriali, volti a valorizzare l’arco di trasformazione dei personaggi in scena di U-Boot 96.

Il progressivo deterioramento delle condizioni ambientali va di pari passo con il tono del racconto. Se caratterizzato da dell’umorismo “da camerata” nelle prime battute, va a incupirsi sempre di più, sino a raggiungere toni decisamente più introspettivi e claustrofobici; amplificati dagli evidenti limiti fisici del sommergibile, e da una regia che diventa sempre più fatta di intensi piani medi e primi piani.

Una scena di Das Boot (1981) di Wolfgang Petersen
Una scena di U-Boot 96 (1981) di Wolfgang Petersen

L’utilizzo di simili particolari caratteriali e scenici permettono di creare un solido legame empatico con lo spettatore. Svuotati dall’ideologia e dalla propria divisa, i soldati di U-Boot 96 non sono altro che uomini. Petersen procede verso una progressiva sdemonizzazione dell’ufficiale nazista, slegando così l’uomo e la sua carne dalla divisa e da tutto ciò che essa rappresenta. Ne deriva di conseguenza un’audace riflessione sulla disumanità della guerra e – al contrario – sulla depersonalizzazione dell’individuo.

Mostrandoci così l’altra faccia di quelli che Charlie Chaplin chiamava “uomini-macchina con macchine al posto del cervello e del cuore” ne Il grande dittatore (1940). Non esistono uomini-macchina nel sommergibile di Petersen, soltanto uomini impegnati a svolgere il proprio lavoro – e a eseguire gli ordini – al meglio delle loro possibilità; con il desiderio recondito di poter tornare a casa a riabbracciare madri, mogli e figli.

Un kolossal bellico imprescindibile

È nella sequenza finale però che U-Boot 96 ci ricorda che gli uomini raccontatici da Petersen sono (pur sempre) appartenenti alla fazione nemica; facendo pagar loro lo scotto della divisa indossata. Così facendo, il racconto di U-Boot 96 torna su dei binari narrativi decisamente più canonici con cui, però, consegnarsi all’immortalità cinematografica.

Seguiranno le 6 nomination agli Oscar 1983 (tra cui miglior regia e miglior sceneggiatura non originale), la seconda vita come miniserie da quasi 5 ore nel 1985, il sequel seriale targato Sky dal titolo omonimo, sino agli innumerevoli tentativi di imitazione. Da Caccia a Ottobre Rosso (1990) di John McTiernan ad Allarme Rosso (1995) di Tony Scott, sino ai più recenti U-571 (2000) di Jonathan Mostow, K-19 (2002) di Kathryn Bigelow, e in minor misura U-429 (2004) di Tony Giglio; senza però saper riproporre quella miscela unica di empatia, epica e umanità tipica del racconto di Petersen.

Sintesi

Svuotati dell'ideologia, i soldati di U-Boot 96 - Das Boot non sono altro che uomini. Petersen procede verso una progressiva sdemonizzazione dell’ufficiale nazista, slegando così l’uomo e la sua carne dalla divisa e da tutto ciò che essa rappresenta. Ne deriva un’audace riflessione sulla disumanità della guerra cucita addosso a un kolossal bellico antimilitarista e a un sensazionale Jurgen Prochnow.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Moving On recensione film di Yoon Dan-bi con Choi Jung-un [TFF 38]

Moving On recensione film di Yoon Dan-bi con Choi Jung-un, Yang Heung-ju, Park Hyeon-yeong e Park Seung-jun in concorso al Torino Film Festival 38 Crescere, cambiare,...

Elegia americana recensione film di Ron Howard con Amy Adams e Glenn Close [Netflix Anteprima]

Elegia americana recensione film Netflix di Ron Howard con Amy Adams, Glenn Close, Gabriel Basso, Haley Bennett, Freida Pinto e Owen Asztalos Tu non sai un...

Memory House (Casa de Antiguidades) recensione film di João Paulo Miranda Maria [TFF 38]

Memory House (Casa de Antiguidades) recensione film di João Paulo Miranda Maria con Antonio Pitanga e Ana Flavia Cavalcanti al Torino Film Festival 38 Memory...

Cinema News del 24 novembre [Rassegna Stampa]

Luca Guadagnino produce un biopic su Tennesee Williams Mark Ruffalo papà di Ryan Reynolds in The Adam Project Anthony Mackie in versione Liam...

Vera de Verdad recensione film di Beniamino Catena con Marta Gastini [TFF 38]

Vera de Verdad recensione film di Beniamino Catena con Marta Gastini, Marcelo Alonso, Davide Iacopini, Anita Caprioli e Paolo Pierobon al Torino Film Festival Parla...

Antidisturbios recensione serie TV di Rodrigo Sorogoyen e Isabel Peña Episodi 1-2 [TFF 38]

Antidisturbios recensione miniserie TV di Rodrigo Sorogoyen e Isabel Peña con Vicky Luengo, Raúl Arévalo e Álex García al Torino Film Festival 38 Sono stati presentati...

Mi chiamo Francesco Totti recensione film documentario di Alex Infascelli [Sky Now TV]

Mi chiamo Francesco Totti recensione documentario di Alex Infascelli scritto da Francesco Totti con Paolo Condò disponibile su Sky e Now TV Alex Infascelli nella sua...

Il talento del calabrone recensione film di Giacomo Cimini con Sergio Castellitto e Anna Foglietta [Amazon Prime Video]

Il talento del calabrone recensione film di Giacomo Cimini con Sergio Castellitto, Lorenzo Richelmy, Anna Foglietta e Marina Occhionero su Prime Video La storia raccontata da...

Logan – The Wolverine recensione film di James Mangold con Hugh Jackman

Logan - The Wolverine recensione del film di James Mangold, con Hugh Jackman, Patrick Stewart, Dafne Keen, Boyd Holbrook e Stephen Merchant Da un paio d'anni il...

Cinema News del 23 novembre [Rassegna Stampa]

Black Panther 2 inizierà le riprese a luglio Weekend su Amazon Prime Video a dicembre L’Associazione delle Film Commission Europee mette in palio...