Quiz Show

Quiz Show recensione film di Robert Redford con Ralph Fiennes e John Turturro

Quiz Show recensione film di Robert Redford con Ralph Fiennes, John Turturro, Rob Morrow, Paul Scofield, Christopher McDonald, Hank Azaria e Martin Scorsese

Brillante interprete ma non solo. L’esordio da regista di Robert Redford è, numeri alla mano, dei più clamorosi. Nel 1980 arriva infatti in sala Gente comune, drammone familiare solidissimo con Donald Sutherland, Mary Tyler Moore e Timothy Hutton che nella notte degli Oscar 1981 porta a casa 4 statuette tra cui Miglior film e Miglior regia. Surclassando così il più favorito – e decisamente più iconico – The Elephant Man (1980) e imponendo Redford come nuovo volto registico hollywoodiano “da tenere d’occhio”. Nonostante la partenza lampo però, ci vorranno dieci anni prima di rivedere lampi di genio nel cinema di Redford. È negli anni Novanta infatti, che il cineasta americano realizza due dei suoi migliori film: In mezzo scorre il fiume (1992) e Quiz Show (1994).

Quiz Show: A Robert Redford Film
Quiz Show: A Robert Redford Film

Al suo quarto guizzo dietro la macchina da presa, Redford confeziona un’opera di rara intelligenza che ne conferma la duttilità, tanto da riuscire a strappare 4 nomination agli Oscar 1995 accanto a opere come Pulp Fiction (1994); Forrest Gump (1994); e Le ali della libertà (1994). La carriera del Redford regista proseguirà poi con il dramma romantico L’uomo che sussurrava ai cavalli (1998) e con la dinamica golf-buddy de La leggenda di Bagger Vance (2000) che ne ridurrà drasticamente la dimensione autoriale. Questo non fa che accrescere il ruolo di Quiz Show nel suo opus filmico rappresentando, a pieno titolo, l’ultima grande vetta del Redford-autore al pari della sfolgorante partenza negli anni Ottanta.

L’incredibile vicenda alla base del film: lo scandalo Twenty-One

Tra i punti che destano maggior interesse, a proposito di Quiz Show, vi è certamente la tematica trattata. La quarta regia redfordiana racconta infatti dell’indagine compiuta dal Congresso degli Stati Uniti sui brogli relativi allo show Twenty One (1956-1958). Prodotto da NBC e condotto da Jack Barry, il quiz consisteva in una gara tra due concorrenti su domande – in ordine crescente di difficoltà – di cultura generale: chi raggiungeva per primo il punteggio di 21 avrebbe vinto.

Ralph Fiennes, John Turturro e Christopher McDonald
Ralph Fiennes, John Turturro e Christopher McDonald in una scena de Quiz Show

Ironia della sorte, all’accademico Charles Van Doren i quiz nemmeno piacevano, solo che pensò potesse essere divertente “provarci”. I produttori di Twenty-One rimasero piacevolmente sorpresi dal suo interesse e lo immaginarono come potenziale sostituto del campione in carica Herb Stempel. E così accadde, Van Doren divenne infatti il nuovo campione per tutto il periodo da gennaio a marzo 1957. Gli indici d’ascolto erano impazziti e il pubblico così in visibilio per lui, che la NBC gli propose un contratto come “corrispondente culturale” per il The Today Show (1952 – in onda).

Tuttavia, nel novembre 1959, Stempel lo denunciò per truffa, rivelandone i brogli orditi assieme allo staff di Twenty-One. Van Doren, per conto suo, si difese così dinanzi alla Commissione indetta dal Congresso:

Io sono stato trascinato, gravemente trascinato, in un inganno. Il fatto che anch’io sia stato coinvolto non può esimermi dall’essere la vittima principale di tale inganno, perché io ne ero il simbolo principale. […] Chiesi al co-produttore Albert Freedman di farmi andare avanti senza trucchi nel gioco a quiz Twenty-One. Egli rispose che ciò era impossibile. Mi disse che non avrei avuto la possibilità di battere Stempel; questi era troppo esperto.

 

Mi ha anche detto che lo show era solo intrattenimento; e che era una pratica comune quella di dare degli aiuti nei quiz. Tutto ciò rientrava nello show business. Non era vero naturalmente ma forse io ho voluto credergli. […] Sono profondamente dispiaciuto di tutto ciò; credo che nulla sia di più vitale importanza dell’istruzione per la nostra civiltà.

Nel cast figurano Ralph Fiennes, John Turturro, Rob Morrow, Paul Scofield, Christopher McDonald, Hank Azaria, Martin Scorsese; Mira Sorvino, David Paymer, Johann Carlo, Elizabeth Wilson, Griffin Dunne ed Ethan Hawke.

Quiz Show: sinossi

America, anni Cinquanta, impazzano i quiz show. Il più popolare della NBC è Twenty-One, dove il campione in carica Herb Stempel (John Turturro) è poco gradito agli sponsor e a Martin Rittenhome (Martin Scorsese) in particolare. Questi, ebreo originario del Queens, risulta di poco appeal con la sua parlantina. Con il calo degli ascolti, Stempel trova così un accordo con i produttori Dan Enright (David Paymer) e Albert Freedman (Hank Azaria) ed esce di scena.

Al suo posto, il rimpiazzo corrisponde al nome di Charles Van Doren (Ralph Fiennes). Giovane e brillante accademico, figlio del premio Pulitzer Mark (Paul Scofield). Van Doren inizia per gioco, per poi scoprire che è tutto deciso a tavolino. Uomo di grande senso morale, l’accademico tuttavia si lascia “corrompere” da Enright e Freedman. Accetta così di diventare il nuovo campione, pur sapendo in larghissimo anticipo le risposte alle domande: è una truffa, a pieno titolo. Tutto sembra procedere per il meglio finché lo zelante ispettore del Congresso, Dick Goodwin (Rob Morrow), non inizia a indagare. Sarà l’inizio della fine per Twenty-One.

John Turturro e Christopher McDonald in una scena de Quiz Show
John Turturro e Christopher McDonald in una scena de Quiz Show

Il Sogno Americano in un quiz da 21 domande: Redford al suo meglio

Il rombo di una Chrysler da 390 cavalli e lo Sputnik sopra le teste; taxi; metro; la NBC, e un malloppo di dollari come montepremi: è l’inizio della stagione dei quiz televisivi il punto focale di Quiz Show. Redford apre infatti il racconto, codificando una moltitudine d’immagini dal montaggio netto con cui farci saggiare il sapore del contesto scenico dell’epoca. Quei gloriosi anni Cinquanta fatti di boom economico; di Corsa allo spazio e di “corse davanti alla televisione”; e profonda trasformazione storico-sociale, di frenesia ed eccitazione per il tubo catodico.

Tanti elementi che il cineasta di Milagro (1988) avvolge attorno a una narrazione dalle molteplici sfaccettature, risultando al contempo saggio antropologico, dramma storico e lezione di puro capitalismo. Su simili solide basi tematico-narrative, Redford dispiega così la forza del racconto meta-televisivo declinandolo in un gioco di potere tra indici d’ascolto e l’edificazione della dimensione eroica del concorrente di quiz.

Il set di Twenty-One di Quiz Show
Il set di Twenty-One di Quiz Show

Tra telefoni che suonano e un delicato inside joke al sapore di Fuori orario (1985) tra Scorsese e Dunne infatti, Quiz Show porta in scena l’underdog Stempel di Turturro e l’accademico Van Doren di Fiennes. Sogni e speranze dei concorrenti di Twenty-One, metodicamente costruite dal mefistofelico Barry di McDonald nel travalicamento del confine tra la conoscenza del singolo e il controllo “di palazzo”. L’America ama i vincenti e sentirsi vincente, specie dopo gli eventi del secondo conflitto bellico. Qualcosa che il cineasta de Leoni per agnelli (2007) ci ricorda lungo tutto lo sviluppo del racconto tra intrighi di palazzo e la necessità di rialzare gli indici d’ascolto.

Gioca così con la dinamica relazionale a distanza tra Stempel e Van Doren. Una rivalità risolta dalla climax governativa, di uomini opposti tra Queens e Manhattan, ma dai simili gloriosi obiettivi per il futuro. Emerge così la profonda anima romantica della narrazione di Quiz Show, traslabile alla generalità: la codifica di un sogno americano per puntata televisiva, che cresce e genera empatia di domanda in domanda. Qualcosa, tuttavia, di cui il cineasta de The Conspirator (2010) ce ne consegna uno rarefatto, o forse semplicemente “in fac-simile“.

La moralità e la presa di coscienza: l’evoluzione di Charles Van Doren

In quella che è un’autentica lezione di storytelling duplice tra narrazione cinematografica e “a tutto campo” a livello meta-televisivo, Quiz Show pone al centro del conflitto il ruolo scenico del Van Doren di un Fiennes in forma smagliante. Schiacciato dal peso dell’intellettualmente autoritario padre Mark di uno Scofield in formato Un uomo per tutte le stagioni (1966), l’agente scenico dell’interprete inglese si presta alla pantomima fraudolenta, agendo così da anti-eroe “con il sorriso” e per scopi benevoli, per la larga parte dello sviluppo del racconto, salvo poi redimersi nella climax governativa.

Ralph Fiennes
Ralph Fiennes in una scena de Quiz Show

In tal senso, a fronte di un dispiego dell’intreccio dal ritmo compassato e tutto sommato prevedibile nei suoi turning point, il cineasta de La regola del silenzio (2012) dà vita ad elementi dialogici di grande spessore. Facendo così emergere ora una solida dinamica padre-figlio – topos del cinema redfordiano sin dai tempi di Gente comune – tra citazioni shakespeariane e lezioni morali; ora la dinamica amicale con il Goodwin di Murrow, che sembra attingere a piene mani da quella fraterna del sopracitato In mezzo scorre il fiume.

Redford cita così sé stesso, strumentalizzando lo scandalo Twenty-One per poter declinare il suo cinema e raccontare di padri e figli, uomini e ideali. Cementificandone infatti gli intenti nella più volte citata climax governativa che ne riequilibra lo status etico-caratteriale da “perdente” ma che al contempo tinge d’amarezza il racconto di Quiz Show.

Quiz Show: tra le grandi opere dimenticate degli anni Novanta

È nel finale infatti, che il brillante interprete de La stangata (1973) piazza la zampata con cui arricchire di senso il sottotesto del racconto. Quiz Show infatti, se lungo tutta la sua efficace narrazione fa evolvere lo status di Van Doren da “vincente di talento” a “comune perdente” agli occhi dell’opinione pubblica, lo stesso non può dirsi per le alte sfere. Redford compie infatti un intervento a gamba tesa verso la classe dirigenziale e la corruzione lungo tutto il racconto, per finire con il razionalizzarne gli intenti fraudolenti – perfino legittimandoli; abbattendo così del tutto quei pochi frammenti residui di sogno americano, per farlo collidere verso il naturale stato delle cose della vita.

Un’opera interessante Quiz Show, pur nel suo didascalismo, che acquisisce sempre maggior peso in una chiusa tutt’altro che prevedibile. Consolidando del tutto l’occhio registico pulito del Redford-autore che, ironia della sorte, non riuscirà più a ripetere simili effetti incisivi nei suoi lavori successivi. Resta comunque il rimpianto della mancanza di tempismo, di un’opera che forse in un’annata diversa avrebbe avuto maggior risalto mediatico, ma che nell’offerta filmica del 1994 – tra l’esplosione Pulp di Tarantino e la delicatezza d’intenti di Zemeckis (e molto altro) – ha finito con l’essere uno dei tanti film di contorno.

La locandina di Quiz Show
La locandina di Quiz Show

Sintesi

Frammenti di Sogno Americano fac-simile avvolti in una narrazione che è al contempo saggio antropologico, dramma storico e lezione di puro capitalismo, è questo Quiz Show di Robert Redford, un'opera che dispiega la forza dello storytelling televisivo al servizio del grande romanzo americano tra inside joke al sapore di Fuori orario tra Scorsese e Dunne, uno Scofield in formato Un uomo per tutte le stagioni, e due perdenti eccellenti come Fiennes e Turturro.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Cinema News del 26 gennaio [Rassegna Stampa]

Women’s Stories Cambio della guardia per Tomb Raider 2 Jodie Turner-Smith nel prequel di The Witcher The Formula In With the Devil Black...

Yellowstone 3 recensione serie TV di Taylor Sheridan con Kevin Costner [Sky Anteprima]

Yellowstone 3 recensione della terza stagione della serie TV ideata da Taylor Sheridan con Kevin Costner, Kelly Reilly, Luke Grimes, Wes Bentley e Cole...

Cinema News del 25 gennaio [Rassegna Stampa]

BIOS Save the Cinema Addio a Rémy Julienne e a Mira Furlan Cinema News 25 gennaio BIOS Anche se non parteciperà alla serie Tv tratta da...

Godzilla vs. Kong: il trailer italiano del quarto capitolo del MonsterVerse con Alexander Skarsgård e Millie Bobby Brown

Godzilla vs. Kong: il trailer italiano del quarto capitolo del MonsterVerse con Alexander Skarsgård, Millie Bobby Brown e Rebecca Hall, sequel dei due Godzilla...

Schindler’s List recensione film di Steven Spielberg con Liam Neeson e Ben Kingsley

Schindler's List recensione del film di Steven Spielberg con Liam Neeson, Ben Kingsley, Ralph Fiennes, Caroline Goodall, Embeth Davidtz e Olivia Dabrowska All'indomani del tiepido successo...

Cinema News del 24 gennaio [Rassegna Stampa]

Film in uscita: slittano A Quiet Place 2, The King’s Man e Morbius La serie animata Invincible di Robert Kirkman in arrivo su Amazon Prime...

Thor: Love and Thunder: Cate Blanchett ritorna Hela per consegnare la spada All-Black the Necrosword a Gorr di Christian Bale

Thor: Love and Thunder rivela la dimora del villain Gorr the God Butcher interpretato da Christian Bale ed il ritorno di Cate Blanchett come...

Cinema News del 23 gennaio [Rassegna Stampa]

Liam Neeson nel remake di Una pallottola spuntata Brie Larson in Lessons in Chemistry Peaky Blinders: il film di Steven Knight che concluderà...

Tutto in una notte recensione film di John Landis con Jeff Goldblum e Michelle Pfeiffer [Flashback Friday]

Tutto in una notte recensione del film di John Landis con Jeff Goldblum, Michelle Pfeiffer, Dan Aykroyd, David Bowie, Paul Mazursky e David Cronenberg Gli anni...

Cinema News del 22 gennaio [Rassegna Stampa]

Sony cede Superconnessi a Netflix Risincronizziamo i calendari Michelle Pfeiffer e Viola Davis sono The First Lady Epic Games si dà al cinema ...