Quattro vite

Quattro vite recensione

Quattro vite recensione film di Arnaud Des Pallières con Adèle Haenel, Adèle Exarchopoulos, Solène Rigot, Gemma Arterton e Nicolas Duvauchelle

Quattro storie di quattro donne di quattro generazioni sono raccontate abilmente dalla macchina da presa di Arnaud Des Pallières, che per descrivere il dolore e la meschinità umana sceglie una formula di montaggio molto particolare, che spesso disorienta ma allo stesso momento coinvolge. Ispirato alla vita della co-sceneggiatrice Christelle Berthevas, Quattro vite (Orpheline), presentato in anteprima mondiale al Toronto Film Festival nel 2016 e dopo a San Sebastián e a Rotterdam, racconta la storia di una ragazza in quattro fasi della sua vita attraverso le vicende di quattro personaggi femminili accomunati da un destino simile e insolito.

Adèle Exarchopoulos in Quattro vite
Adèle Exarchopoulos in Quattro vite

Le storie frammentate e alternate sono un vero e proprio inno alla forza femminile, dirompente e vitale. Renée (Adèle Haenel), la più grande delle quattro, è una trentenne che lotta per avere un bambino e si batte nel suo lavoro. Quella vita apparentemente tranquilla viene interrotta dal suo passato segreto, che ha il nome di Tara (Gemma Arterton) che si vendicherà in modo spietato e che ritroveremo anche nella vita di Sandra (Adèle Exarchopoulos), che nonostante i suoi vent’anni si ribella al triste futuro a cui è destinata mettendo in gioco tutto in un momento. L’esistenza della ventenne sembra legata da un fil rouge a quello di Karine (Solène Rigot), piccola adolescente che ogni giorno spinge la sua vita al limite perché tanto nulla è più pericoloso della violenza che l’aspetta a casa. Poi c’é Kiki (Vega Cuzytek), la piccola donna che deve conoscere la realtà della morte già da bambina.

Adèle Exarchopoulos
Adèle Exarchopoulos

Tutte queste donne sembrano separate ma allo stesso tempo legate, unite da un unico comune denominatore, il dolore.
Spaesate e perse nella loro essenza tragica, reagiscono con una tenacia e una forza che sembra quasi ancestrale. Bravissima Adèle Exarchopoulos, che regala una versione tutta sua dell’energia femminile, la stessa che avevamo già visto ne La vita di Adele nel 2013. Sorprende anche Adèle Haenel, che interpreta il personaggio che chiude il cerchio di queste quattro vite e che forse è l’unico ed il centro di tutta la storia.

Azzeccata la scelta del regista francese di raccontare la femminilità con toni duri e forti, tinte tendenti al nero e storie difficili. A volte essere donna significa anche questo.

Quattro vite recensione
Solène Rigot

Adèle Haenel in Quattro vite
Adèle Haenel in Quattro vite

Sintesi

Arnaud Des Pallières racconta la femminilità con storie difficili, toni duri e forti e tinte tendenti al nero: a volte essere donna significa anche questo, e Quattro vite intona un inno alla forza femminile, dirompente e vitale, attraverso quattro donne che sembrano legate tra di loro da un destino simile e doloroso.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Pixar: i migliori film da vedere assolutamente [Throwback Thursday]

Le opere Pixar fanno parte della nostra infanzia ed adolescenza, grazie ai molti lungometraggi che ci hanno scaldato il cuore. Vediamo i cinque migliori...

Black Friday Amazon 2020: LEGO offerte Avengers, Jurassic World, Star Wars, Disney e Batman

Black Friday Amazon 2020: in offerta i set LEGO di Avengers, Jurassic World, Star Wars, Disney, Batman, The Mandalorian, Harry Potter e Fast &...

Cinema News del 26 novembre [Rassegna Stampa]

Mads Grindelwald Clifford il grande cane rosso The Mauritanian Amore e malattia in Life in a Year Amore e malattia in Little Fish ...

Botox recensione film di Kaveh Mazaheri con Sussan Parvar [TFF 38]

Botox recensione film di Kaveh Mazaheri con Sussan Parvar, Mahdokht Molaei, Soroush Saeidi, Mohsen Kiani e Morteza Khanjani al Torino Film Festival 38 Il cinema iraniano...

Breeder recensione film di Jens Dahl con Sara Hjort Ditlevsen [TFF 38]

Breeder recensione film di Jens Dahl con Sara Hjort Ditlevsen, Anders Heinrichsen, Morten Holst, Signe Egholm Olsen e Eeva Putro al Torino Film Festival 38 L'immortalità...

Black Friday Amazon 2020: Disney Marvel offerte film Blu-ray steelbook e cofanetti

Black Friday Amazon 2020: le offerte Disney e Marvel in Blu-ray steelbook e cofanetti, da Avengers: Endgame a Frozen 2, Toy Story 4 e...

Black Friday Amazon 2020: film e serie TV Blu-ray e DVD in offerta

Black Friday Amazon 2020: film Blu-ray e DVD in offerta tra saghe cinematografiche, cofanetti, serie TV, anime e i migliori titoli Disney in steelbook Ci...

Cinema News del 25 novembre [Rassegna Stampa]

Gianfranco Rosi possibile candidato agli Oscar Tom Holland nelle prime immagini di Cherry La serie tv di Xavier Dolan Il trailer di Our...

Moving On recensione film di Yoon Dan-bi con Choi Jung-un [TFF 38]

Moving On recensione film di Yoon Dan-bi con Choi Jung-un, Yang Heung-ju, Park Hyeon-yeong e Park Seung-jun in concorso al Torino Film Festival 38 Crescere, cambiare,...

Elegia americana recensione film di Ron Howard con Amy Adams e Glenn Close [Netflix Anteprima]

Elegia americana recensione film Netflix di Ron Howard con Amy Adams, Glenn Close, Gabriel Basso, Haley Bennett, Freida Pinto e Owen Asztalos Tu non sai un...