Persepolis

Persepolis recensione film d’animazione di Marjane Satrapi [MioCinema]

Persepolis recensione film d’animazione di Marjane Satrapi e Vincent Paronnaud con Chiara Mastroianni, Catherine Deneuve e Gena Rowlands

Basato sull’omonima graphic novel di Marjane Satrapi, Persepolis è un film d’animazione del 2007 diretto dalla stessa autrice insieme a Vincent Paronnaud. Quasi interamente in bianco e nero, il film sfrutta la tecnica dell’animazione in 2D per riprodurre i disegni originali dell’opera di letteratura illustrata. All’animazione hanno lavorato la stessa Satrapi insieme allo studio Perseprod ed è stata creata da due studi specializzati: Je suis bien contentPumpkin 3D.

Persepolis era il nome dell’antica capitale della Persia, costruita nel VI secolo a.C. dal re Dario I e, in seguito, saccheggiata e distrutta da Alessandro Magno: il ricordo di un antico splendore, ormai perduto. Ma Persepolis è il racconto di una città, quella di Teheran, della sua storia di rivoluzioni e guerre viste attraverso gli occhi di Marjane Satrapi (Chiara Mastroianni), dall’età di 9 anni fino ai 22. E, soprattutto, è il racconto della sua crescita, del suo viaggio alla scoperta di sé stessa e di un posto nel mondo.

Marjane Satrapi
Marjane Satrapi (Chiara Mastroianni) (Credits: BiM Distribuzione/MioCinema)

Persepolis: la trama

La piccola Marjane Satrapi vive con la sua famiglia a Teheran, nel 1982. Ha solo 9 anni, adora Bruce Lee, sua nonna (Catherine Deneuve) e sogna di diventare il prossimo Profeta. I suoi genitori sono borghesi benestanti e progressisti, sostengono i rivoluzionari islamici contro il regime dello Scià Mohammad Reza Pahlavi. L’arrivo dello zio Anouche, prigioniero politico, scatena la curiosità di Marjane, vivace e curiosa, e la spinge ad interessarsi alla politica del suo paese. Anouche sarà per lei, al pari della nonna, una figura fondamentale per determinare la sua personalità.

I rivoluzionari trionfano, ma invece di portare progresso, impongono leggi severe, soprattutto per le donne e allo scoppio della guerra tra Iraq e Iran, Marjane – ormai adolescente – è mandata a Vienna dai genitori, nella speranza di un futuro migliore. La parentesi europea per lei si dimostra ricca di sfide e di delusioni. Nasconde la sua origine iraniana, prova a integrarsi, ma il suo cuore brama ancora l’Iran. Ritorna lì, quasi ventenne, quando il regime si inasprisce sempre più, ma si sente ancora fuori posto. Diventata una donna emancipata e indipendente, lascerà per sempre la sua terra d’origine, tenendo ben a mente le parole di sua nonna: “Sii sempre integra e fedele a te stessa.”

Il capolavoro d'animazione di Marjane Satrapi
Il capolavoro d’animazione di Marjane Satrapi (Credits: BiM Distribuzione/MioCinema)

Un film universale e più attuale che mai

Pur essendo passati ormai 14 anni, Persepolis è un film universale e attuale più che mai. L’idea di Satrapi di lasciare i disegni in bianco e nero anche per la trasposizione animata è il manifesto che gli eventi narrati possono essere quelli di una qualsiasi città, di un qualsiasi popolo. Così come la parabola di Marjane è un racconto di formazione universale e femminile, il tentativo – in divenire – di una bambina alle prese con un mondo più grande di lei, di eventi che non sempre comprende e del desiderio di guadagnarsi un posto nel mondo. La storia di Marjane è la storia di ognuna di noi.

Con lei il personale diventa politico, perché è attraverso momenti della sua quotidianità, di ciò che succede ai suoi vicini, alla sua famiglia e a lei stessa che noi osserviamo la situazione iraniana. Non è una narrazione impersonale e fredda, condotta cronachisticamente, ma è una testimonianza reale, tangibile degli orrori e dei soprusi vissuti negli anni del regime dei Khomeini.

Persepolis recensione film d'animazione di Marjane Satrapi
Persepolis film d’animazione di Marjane Satrapi (Credits: BiM Distribuzione/MioCinema)

Un’immagine dell’Iran lontana dagli stereotipi occidentali

L’imposizione del velo alle donne, i divieti di consumo dell’alcool, di possedere musica, indumenti o libri della cultura occidentale: in Persepolis Marjane li narra con chiarezza e sorprendente ironia. Ascolta la musica degli Iron Maiden, indossa Nike e giubbini di jeans stracciati e la sua famiglia la supporta. Sia i suoi genitori che la nonna sono moderni e progressisti. Partecipano a riunioni socialiste e rivoluzionarie, hanno contatti con falsari e cercano se possono di aiutare chi è in difficoltà. Attraverso loro, Marjane ci introduce in un ambiente iraniano colto e al passo con i tempi, sdoganando l’idea tutta occidentale e della propaganda statunitense che il Medioriente sia bigotto e impregnato di fanatismo religioso e terrorismo.

Scrivere Persepolis e poi trasporlo al cinema è stato un atto di riappropriazione, da parte di Marjane Satrapi, della narrazione di una storia che, per anni, è stata sempre raccontata da altri. Ridiventare protagonisti della storia del proprio popolo e cambiare la visione di un paese è stato, dunque, un atto rivoluzionario. E per la sua bellezza e importanza, Persepolis è stato premiato al Festival di Cannes con il Premio della Giuria, ha ricevuto la nomination agli Academy Awards per l’Oscar come miglior film straniero e parimenti all’edizione del 2008 dei Golden Globe.

Oggi, Marjane Satrapi è una voce importante nel panorama del confronto tra Oriente e Occidente e per i movimenti femministi attuali e Persepolis è, probabilmente, la sua creazione più autentica e straordinaria.

Sintesi

Attraverso lo sguardo e la voce di Marjane Satrapi, Persepolis racconta una parentesi della storia iraniana, sdoganandola da stereotipi e false rappresentazioni. Ma Persepolis è anche il percorso di crescita di Marjane, della sua ricerca di un posto nel mondo e di una propria identità. Un'opera d'animazione straordinaria e potente.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Attraverso lo sguardo e la voce di Marjane Satrapi, Persepolis racconta una parentesi della storia iraniana, sdoganandola da stereotipi e false rappresentazioni. Ma Persepolis è anche il percorso di crescita di Marjane, della sua ricerca di un posto nel mondo e di una propria identità. Un'opera d'animazione straordinaria e potente.Persepolis recensione film d'animazione di Marjane Satrapi [MioCinema]