Per un pugno di dollari

Per un pugno di dollari recensione

Per un pugno di dollari recensione del primo capitolo della Trilogia del Dollaro di Sergio Leone con Clint Eastwood, Gian Maria Volontè e Marianne Koch

Era il 1964 quando il mondo venne travolto dalla visione registica di Sergio Leone. Dopo tanta gavetta tra seconde unità di regia, e un’opera prima come Il colosso di Rodi (1961) – peplum decisamente poco ispirato e narrativamente canonico – dà vita a Per un pugno di dollari (1964), con cui codificare il genere spaghetti-western, e consacrare la stella di un giovane – ma già dotato di grande intensità scenica – Clint Eastwood (Mystic River, Richard Jewell, I ponti di Madison County).

MadMass.it consiglia (by Amazon)

Il film, ritenuto unanimemente come il caposaldo del suo genere, lo è ma più da un punto di vista d’impatto nella storia del cinema. Leone ebbe il pregio di riuscire a dare un’impronta ben definita ad un genere che seppur rilevante nel periodo di massimo splendore del cinema moderno, era già da considerarsi prosciugato tra gli anni Quaranta e Cinquanta. Film come Una signora dell’Ovest (1942) di Carl Koch, Il fanciullo del west (1942) di Giorgio Ferroni, o Il bandolero stanco (1952) di Fernando Cerchio, concepiti più come parodie comiche e riletture liriche, ma senza un’effettivo cuore western. Leone ci riuscì, dando così una svolta alla sua carriera e alla storia del cinema.

Per un pugno di dollari recensione
I titoli di testa di Per un pugno di dollari (1964) di Sergio Leone

MadMass.it consiglia (by Amazon)

La regia dinamica e moderna permise non solo a Leone di uscire dal terreno paludoso – e decisamente poco proficuo – dei peplum, ma anche d’innescare un effetto domino, di risveglio di coscienza nei cineasti americani.
Gli spaghetti-western di Sergio Leone diedero così seguito ai grandi western revisionisti del cinema americano dei Peckinpah, Penn, Altman e lo stesso Eastwood che tra Il texano dagli occhi di ghiaccio (1975), Il cavaliere pallido (1985) e Gli spietati (1992) ha saputo porsi come unico vero erede della tradizione Fordiana.

Per un pugno di dollari: sinossi

Il racconto de Per un pugno di dollari è davvero dei più immediati e semplici. Un pistolero solitario, Joe (Clint Eastwood), arriva a San Miguel, una cittadina di confine tra gli Stati Uniti e il Messico. Dopo aver visto un bandito compiere dei soprusi su di un bambino, decide di entrare in paese e dare un’occhiata.

Joe scoprirà che quella terra di confine è dilaniata da una guerra civile tra famiglie. I Rojo di Ramon (Gian Maria Volontè) ed Esteban (Sieghardt Rupp) e i Baxter dello Sceriffo John (Wolfgang Lukschy) e Antonio (Bruno Carotenuto). I primi commercianti d’alcolici, gli altri d’armi. Joe decide di vendersi ad entrambe “per un pugno di dollari” facendo il doppio gioco, sfruttandoli così per il proprio tornaconto. Le cose, però, non andranno lisce come previsto, e Joe si ritroverà così invischiato in una pericolosa partita a scacchi con il nemico; dove a dare scacco matto sarà chi per primo saprà puntare al cuore.

Clint Eastwood
Clint Eastwood in una scena di Per un pugno di dollari (1964) di Sergio Leone

Per un pugno di (diecimila) dollari: Kurosawa vs Leone

Per quanto rilevante nella storia del cinema, in realtà Per un pugno di dollari ha dalla sua uno strascico di non poco conto. Nell’estate del 1963, durante la lavorazione del peplum mai realizzato Le aquile di Roma, a Leone consigliarono di vedere Yojimbo/La sfida del samurai (1961) di Akira Kurosawa. Un jidai-geki che raccontava di Sanjuro (Toshiro Mifune) un samurai che giunge in un villaggio sperduto dilaniato da una guerra tra famiglie per il controllo della comunità. Tra doppio gioco e gesti eroici, la spada di Sanjuro riporterà la pace nel villaggio.

Fu una folgorazione, tanto che – in preda all’entusiasmo – Leone chiamò a raccolta Duccio Tessari, Sergio Corbucci e Tonino Delli Colli; nel giro di qualche mese la sceneggiatura fu pronta. Il trattamento fu redatto nei primi mesi del 1964 sulla base del copione tradotto di Yojimbo.

Clint Eastwood e Toshiro Mifune
Clint Eastwood e Toshiro Mifune

E in effetti, al di là delle similitudini di sinossi, ve ne sono molte di più a livello di svolte narrative e di scelte registiche. Quello tra Per un pugno di dollari e Yojimbo è quasi uno shot-by-shot per certi aspetti (come da ammissione di Corbucci) – come l’entrata nel villaggio, o il preludio al final showdown, con la caduta dell’eroe, la cattura da parte dei villain e la sua resurrezione miracolosa.

A dire il vero, l’intento di Leone era quello di realizzare un remake effettivo di Yojimbo, ma la Jolly Film non pagò mai i diecimila dollari di compenso per i diritti d’utilizzazione alla Toho Film. Si arrivò a una causa con Kurosawa che ottenne i diritti di distribuzione di Per un pugno di dollari nel mercato asiatico, e con il 15% degli incassi del film in tutto il mondo.

Il linguaggio filmico di Sergio Leone

La causa legale non va però ad inficiare il valore artistico di un’opera unica e dal peso specifico altissimo. Per un pugno di dollari riuscì nell’intento di ridare vita a un genere che era caduto nella sterilità narrativa attraverso un linguaggio filmico attuale, moderno – che oggi accosteremmo ai cinecomic della Marvel sul piano dell’intrattenimento. La rilettura ad opera degli spaghetti-western compiuta da Leone lavorò molto sul ritmo scenico, meno compassato rispetto al western classico –  molto più netto, efficace e immediato.

La revisione del genere compiuta da Leone la si vede nel dinamismo dei duelli, nella spettacolarizzazione dei finali, nelle frasi ad effetto, negli espedienti con cui dar colore al personaggio – e di riflesso – sulla caratterizzazione degli agenti scenici.

Clint Eastwood
Clint Eastwood in una scena di Per un pugno di dollari (1964) di Sergio Leone

I protagonisti di Per un pugno di dollari non sono eroi tutti d’un pezzo come il John T. Chance di John Wayne in Un dollaro d’onore (1959), ma anti-eroi come il Joe di Eastwood e il Ramon di Volonté; entrambi fatti della stessa pasta ma dalle parti opposte del conflitto scenico. In una declinazione della dicotomia bene/male fatta di luci e ombre, una boccata d’aria fresca nella scrittura western.

Si, ci troviamo certamente dinanzi a un plagio conclamato, ma la grande abilità narrativa di Kurosawa va di pari passo con la capacità registica di Leone. Il montaggio che non dà respiro nelle sequenze action, i particolari del viso, i primi e primissimi piani (i Leone), e i dettagli di pistole, stivali e sigari. Leone riesce a codificare una grammatica cinematografica per il genere spaghetti-western; esattamente ciò che fece Kurosawa con I sette samurai (1954) per il jidai-geki.

Al cuore, Ramon

La causa legale con Kurosawa, i produttori che non credevano nella riuscita del progetto, Eastwood che non era nemmeno la prima scelta nel ruolo, e Leone che pur di dare maggior credibilità Oltreoceano alla sua opera, scelse per lo pseudonimo esterofilo Bob Robertson. Il resto è storia. L’oramai celeberrima colonna sonora del compianto Ennio Morricone, il sigaro di Joe, il panciotto antiproiettile poi citato nella saga di Ritorno al futuro (1985-1990) di Robert Zemeckis.

Nel duello finale, il Joe di Eastwood dice al Ramon di Volonté che per poter uccidere un uomo è al cuore che bisogna puntare. Ed è esattamente ciò che ha fatto Sergio Leone, puntando al cuore del cinema western, dandogli una nuova chiave di lettura. Il successo de Per un pugno di dollari è planetario, gettando così le basi per la “tematica” trilogia del dollaro comprensiva de Per qualche dollaro in più (1965) e Il buono, il brutto e il cattivo (1966). Siamo nel 1964, Sergio Leone rilegge (impropriamente) Akira Kurosawa e realizza uno dei più grandi film di tutti i tempi.

Sintesi

Leone prende Yojimbo/La sfida del samurai (1961), lo plagia, lo piega alle sue volontà, rilegge impropriamente Kurosawa, lancia Eastwood tra i grandi e realizza un miracolo. Con Per un pugno di dollari, Sergio Leone getta le basi del cinema d'intrattenimento action moderno, puntando al cuore del western, rileggendolo, rielaborandolo, dandovi una connotazione più sporca - è il primo passo della rivoluzione filmica della Trilogia del Dollaro.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Il buono, il brutto, il cattivo recensione

Il buono, il brutto, il cattivo recensione del terzo capitolo della Trilogia del Dollaro di Sergio Leone con Clint Eastwood, Lee Van Cleef ed Eli...

Mio zio recensione [Flashback Friday]

Mio zio recensione del film diretto e interpretato da Jacques Tati con Alain Bécourt, Jean-Pierre Zola e Adrienne Servantie Il cinema di Jacques Tati (Giorno di...

Cine Rassegna Stampa del 7 agosto

Cine Rassegna Stampa del 7 agosto: i trailer di Sto pensando di finirla qui di Charlie Kaufman e di Judas and the Black Messiah...

Coffee and Cigarettes recensione (versione restaurata)

Coffee and Cigarettes recensione film di Jim Jarmusch in edizione restaurata con Roberto Benigni, Steven Wright, Joie Lee, Tom Waits, Cinqué Lee, Steve Buscemi,...

Buon compleanno M. Night Shyamalan: i suoi migliori film [Throwback Thursday]

M. Night Shyamalan compie 50 anni: ripercorriamo i migliori successi del regista dai finali a sorpresa Il 6 agosto del 1970 nasceva M. Night Shyamalan,...

Cine Rassegna Stampa del 6 agosto

Cine Rassegna Stampa del 6 agosto: Tom Hanks Geppetto per Pinocchio di Robert Zemeckis, Ryan Reynolds a caccia di mostri in Everyday Parenting Tips,...

Il dottor Stranamore recensione

Il dottor Stranamore - Ovvero: come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba recensione del film di Stanley Kubrick con Peter...

Burning – L’amore brucia recensione

Burning - L'amore brucia recensione film di Chang-dong Lee con Ah-In Yoo, Steven Yeun, Jong-seo Jun, Soo-Kyung Kim e Seong-kun Mun Nel panorama letterario contemporaneo...

Cine Rassegna Stampa del 5 agosto

Cine Rassegna Stampa del 5 agosto: Mulan esce direttamente in streaming su Disney+, il trailer di Ratched, la serie Netflix di Ryan Murphy spin-off...

Cine Rassegna Stampa del 4 agosto

Cine Rassegna Stampa del 4 agosto: La donna alla finestra di Joe Wright con Amy Adams passa a Netflix, le prime immagini di The...