Magari

Magari recensione

Magari recensione film di Ginevra Elkann con Riccardo Scamarcio, Alba Rohrwacher, Milo Roussel, Ettore Giustiniani, Oro De Commarque, Céline Sallette

Magari è una commedia dolceamara, di produzione italo-francese, che racconta il divorzio dal punto di vista dei figli, debutto alla regia di Ginevra Elkann.

Tre fratelli, Alma, Jean e Sebastiano, sono mandati dalla madre in vacanza per le festività dal padre. La madre è intenta a ricostruirsi una vita in Francia, mentre il padre, interpretato da Riccardo Scamarcio, è uno sceneggiatore in difficoltà, sia economica che creativa.

Durante la vacanza, passate nella casa di famiglia al mare, è presente anche l’assistente del padre, Benedetta, interpretata da Alba Rohrwacher. Nel giro di due settimane tutte le problematiche della famiglia e la complicatezza dei rapporti famigliari verranno a galla.

Ginevra Elkann e Alba Rohrwacher
Ginevra Elkann e Alba Rohrwacher
Magari di Ginevra Elkann
Magari di Ginevra Elkann

La storia è raccontata principalmente dal punto di vista di Alma, la più piccola dei fratelli, interpretata da una credibilissima Oro De Commarque. Alma durante la narrazione si perde in quelli che sono i suoi sogni ad occhi aperti. Il suo desiderio di riavere la famiglia unita, una famiglia che in realtà non ha fatto in tempo a vivere perché era troppo piccola quando i suoi genitori si sono separati. Il racconto acquista così dolcezza e a tratti ingenuità grazie alla sua piccola narratrice.

Osserviamo anche in che modo Sebastiano, interpretato da Milo Roussel, adolescente, e Jean, interpretato da Ettore Giustiniani, poco più grande di Alma che ha subito un intervento non ben precisato e necessita di cure particolari, vivono questa esperienza. Ovviamente a Sebastiano, spetta il ruolo di capo famiglia quando il padre si comporta da assenteista, ciò genera del conflitto, che si palesa soprattutto quando è ormai chiaro che anche lui, come il padre, ha un interesse per Benedetta.

Jean è il più sognatore di tutti, che si fa impressionare e ispirare dai filmati in televisione e impersona fino in fondo la figura del super eroe… a sue spese. I tre fratelli vivranno questa esperienza in simbiosi, muovendosi sempre insieme e ferendo la piccola Alma quando verrà lasciata da sola in un’occasione.

Milo Roussel e Alba Rohrwacher
Milo Roussel e Alba Rohrwacher
Magari recensione film di Ginevra Elkann
Magari di Ginevra Elkann con Oro De Commarque

Magari ha la capacità di far comprendere allo spettatore cosa la separazione significhi per i figli. Quando si è più piccoli si avrà sempre quel desiderio di rivedere qualcosa che è stato, nonostante la vita ti dica che non tornerà più. I tre fratelli sembrano rappresentare le fasi del lutto: l’incredulità e la speranza di Alma, l’accettazione di Jean, e l’indifferenza e il superamento di Sebastiano.

Nel film i momenti con colonna sonora di sottofondo sono rari, quasi inesistenti. Meravigliosa la scena in cui i tre fratelli e il padre cantano tutti insieme Se mi lasci non vale di Julio Iglesias, un primo vero momento di unione famigliare che però non potrà durare al lungo, almeno non finché tutti i nodi non saranno venuti al pettine.

Beatrice

Sintesi

Commedia dolceamara sul significato della separazione per i figli, Magari permette l'identificazione con la piccola protagonista, i suoi sentimenti e le sue speranze diventano le nostre.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Commedia dolceamara sul significato della separazione per i figli, Magari permette l'identificazione con la piccola protagonista, i suoi sentimenti e le sue speranze diventano le nostre.Magari recensione