La febbre del sabato sera

La febbre del sabato sera recensione del film di John Badham con John Travolta

La febbre del sabato sera recensione del film di John Badham con John TravoltaKaren Lynn Gorney, Barry Miller e Donna Pescow

Nella metà degli anni Settanta John Travolta era pressoché sconosciuto. Giusto i fan della prima ora di Brian De Palma avrebbero potuto riconoscere la sua inconfondibile mimica nel Billy Nolan di Carrie – Lo sguardo di Satana (1976). La svolta arrivò l’anno successivo quando l’altro quasi esordiente – John Badham (Wargames, Tuono Blu, Corto circuito) – gli affida il ruolo da protagonista in La febbre del sabato sera (1977). Il successo è planetario.

Le sequenze di ballo oramai leggendarie, la versatilità di Travolta come ballerino e interprete drammatico, l’iconicità del personaggio di Tony Manero e un linguaggio filmico attuale e moderno. Il valore de La febbre del sabato sera è oltre ogni immaginazione, ma nulla sarebbe stato possibile senza la colonna sonora dei Bee Gees.

i titoli di testa di La febbre del sabato sera
i titoli di testa di La febbre del sabato sera di John Badham

Con più di 40 milioni di copie vendute in tutto il mondo, la colonna sonora più venduta di tutti i tempi  – prima dell’arrivo di Thriller (1982) di Michael Jackson – La febbre del sabato sera è riuscito a incidere così tanto nell’immaginario collettivo da guadagnarsi ben due opere derivate. Un musical “all’italiana” nel 2012, e un sequel dal titolo Staying Alive nel 1983, diretto da Sylvester Stallone – in un’epica del self-made-man alla Rocky, incapace però di ripetere il successo del suo predecessore.

La febbre del sabato sera: sinossi 

Nella Brooklyn degli anni Settanta un giovane italo-americano di nome Tony Manero (John Travolta) lavora come commesso in un negozio di vernici, vive con i genitori e ha un talento immenso per la danza. Ogni sabato sera, con gli amici Joey (Joseph Cali), Double J (Paul Pape), Gus (Bruce Ornstein) e Bobby C. (Barry Miller) va a ballare al 2001 Odissey dove s’è guadagnato il rispetto della comunità venendo perfino venerato come il “Fred Astaire di Brooklyn“. Adorato dalle donne, gioca con tutte, soprattutto con Annette (Donna Pescow) senza mai correre il rischio d’innamorarsi.

John Travolta e Al Pacino
John Travolta e Al Pacino

La situazione familiare non è delle più rosee però. Tony è infatti il figlio di mezzo di Frank Manero (Val Bisoglio) e Linda Manero (Lisa Peluso), una tipica famiglia italiana patriarcale e religiosissima in cui si sente un pesce fuor d’acqua. Tra bravate e gare da ballo, l’incontro con Stephanie Mangano (Karen Lynn Gorney) e il ritorno a casa del fratello Frank Jr (Martin Shakar) metteranno in dubbio molte delle sue convinzioni.

L’abilità narrativa di Badham e la costruzione del personaggio

Scritte rosse – nei titoli di testa – come rossa la camicia, il sugo della pizza ai lati della bocca, le scarpe e la latta di vernice, e il far girare la testa a (quasi) tutte le donne. Bastano pochi attimi a Badham per presentarci il Manero di John Travolta e il contesto scenico-narrativo nel quale vive. Tra un lavoro senza sbocchi, e una famiglia che non lo capisce, la discoteca diventa così il ritrovo, l’appartenenza culturale, e il ballo il linguaggio con cui comunicare con i suoi simili.

La grande abilità di narratore di Badham la si evince da piccoli particolari. Sulle note dei Bee Gees assistiamo ai preparativi per la serata, in un’autentica celebrazione solenne. Tra dettagli del phon, dei poster di Bruce Lee, Rocky e Farrah Fawcett, Manero si trasforma. Pettina con cura il ciuffo, pone con estrema attenzione la catenina d’oro intorno al collo, sceglie i vestiti in base all’ispirazione. Da semplice commesso intrappolato in una vita senza futuro, diventa un “combattente” della pista da ballo.

John Travolta
John Travolta in una scena de La febbre del sabato sera di John Badham

Emblematica, in tal senso, la sequenza di montaggio alternato con cui assistiamo alla lenta transizione tra il contesto familiare e quello “da ballo”. Badham sceglie una regia dinamica fatta di piani medi e inquadrature dal basso verso l’alto con cui esaltare la figura di Tony Manero e la solennità del rito di preparazione.

Il contesto familiare, fortemente stereotipato nella dimensione d’italianità fatta di spaghetti e braciole a cena e d’ipocrita religiosità, è quello di una società patriarcale. Litigiosi, polemici, con l’uomo “che deve portare a casa il pane”. Emerge così, tra le luci al neon dei locali di Brooklyn, un forte contrasto nella dimensione caratteriale-narrativa del Manero di Travolta. Passivo all’autorità paterna e bambinesco in casa, dinamico, spaccone, autentico trascinatore sulla pista da ballo con gli amici. In un’audace riflessione – molto evocativa di Shoplifters (2018) di Hirokazu Koree’da – su come i legami che creiamo sanno essere d’eguale intensità di quelli di sangue.

Sei il Re in pista Tony!

È sulla pista da ballo che Manero si trasforma. Sensuale, audace, fluido. Il ballo gli dà una ragion d’essere. Abbraccia la gente, acquista carisma, bacia, balla con più donne in una serata e ne fa ingelosire un paio. Con il dispiegarsi dell’intreccio scenico de La febbre del sabato sera, il racconto s’arricchisce di relazioni complementari, essenziali per la crescita caratteriale di Manero e per il contesto narrativo. L’incontro con Stephanie prima, e con il ritorno del fratello Frank Jr, permettono a Manero di acquisire consapevolezza e di accettare – riconoscendo i propri limiti e punti di forza – il proprio ruolo nel mondo, ora nella dimensione artistica ora all’interno della famiglia.

Nel terzo atto la posta in gioco de La febbre del sabato sera s’innalza considerevolmente tra bravate, guerre tra bande e gare di ballo sino alla climax con cui si chiude il racconto. Il volto tumefatto e turbato di Manero trasuda del dolore di un uomo intrappolato in una vita d’immaturità e di un talento che gli ha permesso soltanto di conquistare onere e gloria fini a se stessi.

John Travolta ne La febbre del sabato sera
John Travolta in una scena de La febbre del sabato sera di John Badham

Tra diner, locali notturni e sale da ballo, la Brooklyn diurna e notturna dalle tante contraddizioni sociali de La febbre del sabato sera prende vita nella regia di Badham con cui valorizzare al massimo l’intensità recitativa di Travolta e le sue abilità fisiche. Dall’emancipazione femminile, all’immaturità, al tema dell’aborto, delle minoranze, sino allo stupro e la contraccezione, La febbre del sabato sera arricchisce la sua narrazione di un sottotesto multistrato, con cui Badham riesce a consegnare – ai posteri – una realistica fotografia senza tempo dei gloriosi anni Settanta, al ritmo di Disco Duck (1976) e More than a woman (1977).

La febbre del sabato sera: Siamo tutti Tony Manero

L’efficacia del racconto de La febbre del sabato sera, sta esattamente nell’intrinseco valore delle tematiche trattate. Dietro la colonna sonora dei Bee Gees le luci al neon e le movenze sinuose cucite addosso al bel faccione di John Travolta c’è ben altro. C’è la crisi dell’uomo e l’incapacità di trovare un posto nel mondo. C’è però, anche la volontà di cambiare, di aver compreso l’immaturità di chi sta intorno, e di affrontare il destino a piene mani.

Poco importa del finale aperto, degli archi narrativi della famiglia Manero mal gestiti e di cui la sceneggiatura sembra quasi dimenticarsi nella risoluzione del conflitto. La febbre del sabato sera è un manifesto generazionale e non soltanto di chi è cresciuto negli anni Settanta; ma di tutti quelli dotati di un talento speciale che sembra non condurli da nessuna parte. Meglio se ballando.

Sintesi

Dall'emancipazione femminile, all'immaturità, al tema dell’aborto, delle minoranze, sino allo stupro e la contraccezione, La febbre del sabato sera (1977) è una realistica fotografia senza tempo dei gloriosi anni Settanta, al ritmo di Disco Duck e More than a woman. Da John a John, Badham scommette su Travolta e realizza il capolavoro della carriera con cui parlare ai giovani, di ogni generazione, in un racconto malinconico e amaro sul valore del talento e sull'importanza di sapere qual è il momento giusto per cambiare la propria vita.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Moving On recensione film di Yoon Dan-bi con Choi Jung-un [TFF 38]

Moving On recensione film di Yoon Dan-bi con Choi Jung-un, Yang Heung-ju, Park Hyeon-yeong e Park Seung-jun in concorso al Torino Film Festival 38 Crescere, cambiare,...

Elegia americana recensione film di Ron Howard con Amy Adams e Glenn Close [Netflix Anteprima]

Elegia americana recensione film Netflix di Ron Howard con Amy Adams, Glenn Close, Gabriel Basso, Haley Bennett, Freida Pinto e Owen Asztalos Tu non sai un...

Memory House (Casa de Antiguidades) recensione film di João Paulo Miranda Maria [TFF 38]

Memory House (Casa de Antiguidades) recensione film di João Paulo Miranda Maria con Antonio Pitanga e Ana Flavia Cavalcanti al Torino Film Festival 38 Memory...

Cinema News del 24 novembre [Rassegna Stampa]

Luca Guadagnino produce un biopic su Tennesee Williams Mark Ruffalo papà di Ryan Reynolds in The Adam Project Anthony Mackie in versione Liam...

Vera de Verdad recensione film di Beniamino Catena con Marta Gastini [TFF 38]

Vera de Verdad recensione film di Beniamino Catena con Marta Gastini, Marcelo Alonso, Davide Iacopini, Anita Caprioli e Paolo Pierobon al Torino Film Festival Parla...

Antidisturbios recensione serie TV di Rodrigo Sorogoyen e Isabel Peña Episodi 1-2 [TFF 38]

Antidisturbios recensione miniserie TV di Rodrigo Sorogoyen e Isabel Peña con Vicky Luengo, Raúl Arévalo e Álex García al Torino Film Festival 38 Sono stati presentati...

Mi chiamo Francesco Totti recensione film documentario di Alex Infascelli [Sky Now TV]

Mi chiamo Francesco Totti recensione documentario di Alex Infascelli scritto da Francesco Totti con Paolo Condò disponibile su Sky e Now TV Alex Infascelli nella sua...

Il talento del calabrone recensione film di Giacomo Cimini con Sergio Castellitto e Anna Foglietta [Amazon Prime Video]

Il talento del calabrone recensione film di Giacomo Cimini con Sergio Castellitto, Lorenzo Richelmy, Anna Foglietta e Marina Occhionero su Prime Video La storia raccontata da...

Logan – The Wolverine recensione film di James Mangold con Hugh Jackman

Logan - The Wolverine recensione del film di James Mangold, con Hugh Jackman, Patrick Stewart, Dafne Keen, Boyd Holbrook e Stephen Merchant Da un paio d'anni il...

Cinema News del 23 novembre [Rassegna Stampa]

Black Panther 2 inizierà le riprese a luglio Weekend su Amazon Prime Video a dicembre L’Associazione delle Film Commission Europee mette in palio...