It’s a Sin

It’s a Sin recensione serie TV di Russell T. Davies con Olly Alexander [StarzPlay]

Russell T. Davies, dopo Queer as Folk e Years and Years, torna a parlare dell'omosessualità e con It’s a Sin affronta il tema dell'AIDS nella Londra degli anni '80 con protagonista Olly Alexander, frontman della boyband Years and Years: la recensione della serie

It’s a Sin recensione serie TV di Russell T. Davies con Olly Alexander, Omari Douglas, Shaun Dooley, Callum Scott Howells, Lydia West, Nathaniel Curtis, Neil Patrick Harris, Stephen Fry e Keeley Hawes

It’s a Sin, miniserie in cinque episodi ideata da Russell T. Davies, racconta delle prime avvisaglie della presenza dell’AIDS in Inghilterra, dopo i noti casi di Atlanta del 5 giugno 1981. Per farlo, ci mostra come è stato vissuto dai protagonisti della serie, un gruppo di giovani omosessuali degli anni 80’: Colin (Callum Scott Howells), Ritchie (Olly Alexander), Roscoe (Omari Douglas), Ash (Nathaniel Curtis) e infine Jill (Lydia West), l’unica ragazza etero del gruppo che funge, oltre che da collante, da “mamma” e “infermiera” dei suoi amici del cuore, tutti coinquilini nell’appartamento chiamato Pink Palace.

L’AIDS è una malattia del sistema immunitario umano causata dal virus dell’immunodeficienza umana (HIV) e la sua fase di latenza si può dividere in 4 stadi:

It’s a Sin recensione serie TV di Russell T. Davies con Olly Alexander su StarzPlay
It’s a Sin serie TV di Russell T. Davies (Credits: StarzPlay)

Olly Alexander e Lydia West
Olly Alexander e Lydia West (Credits: StarzPlay)

Stadio 1 – Incubazione, assenza totale di sintomi

C’è un gruppo di ragazzi omosessuali che per lavoro, università o semplicemente per fuggire alla vita familiare si ritrova nella Londra anni 80’ pullulante di eccentricità e irriverenza. Sono ragazzi belli, giovani, pieni di aspettative e di amore da dare a se stessi e a chiunque incontrino nei locali il sabato sera. Pieni di quell’amore che spesso nell’ambiente familiare non veniva loro dato. Sono felici di ritrovarsi in una città cosmopolita che li accoglie e li accetta benevola, senza pregiudizi: va ancora tutto bene.

Stadio 2 – Infezione acuta, si manifestano sintomi tipicamente influenzali

Sui giornali e sulle bocche di tutti c’è una nuova e strana malattia. Ancora non è ben chiaro chi colpisca, in che modo avvenga il contagio e quali siano le conseguenze. Alcuni la chiamano la malattia degli omosessuali. Sarà possibile una cosa simile? I nostri protagonisti sono giovani, innamorati e volenti o nolenti, un po’ preoccupati.

Stadio 3 – Periodo di latenza, è di nuovo priva di sintomi, ma l’infezione è in circolo

È solo quando un qualcosa ti tocca da vicino che ne riconosci la sua veridicità. L’HIV è reale e i nostri protagonisti, uno dopo l’altro, iniziano a stare male.

Stadio 4 – AIDS

I ragazzi sono tornati a casa, ormai sono in molti a farlo.

Nathaniel Curtis, Callum Scott Howells, Omari Douglas, Lydia West e Olly Alexander
Nathaniel Curtis, Callum Scott Howells, Omari Douglas, Lydia West e Olly Alexander (Credits: StarzPlay)

Olly Alexander e Callum Scott Howells
Olly Alexander e Callum Scott Howells (Credits: StarzPlay)

It’s a Sin: gioiellino della serialità

La serie è il racconto di una gioventù spezzata, lasciata preda della sofferenza e della confusione, proprio come la popolazione mondiale da marzo 2020 ad oggi. Russell T. Davies porta sullo schermo un climax narrativo dolorosissimo che in cinque puntate non illumina lo spettatore su quello che è il virus ma su ciò che hanno vissuto coloro che si sono infettati quando ancora dell’HIV non si sapeva nulla, cogliendoli impreparati e alla sprovvista. È indubbio che ciò che ci circonda influenza le storie che vediamo, leggiamo o ascoltiamo ed è per questo che serie come It’s a Sin oggi fanno ancora più male, mentre altre, come Anna, sono così dolorose e vicine agli avvenimenti che abbiamo vissuto, che vorremmo quasi ignorarle.

Russell T. Davies, dopo aver dato vita a Queer as Folk e al rinnovamento di Doctor Who, torna a concentrarsi sulla narrativa omosessuale con questo gioiellino della serialità. Cinque puntate essenziali e mai ripetitive che fanno emergere egregiamente i personaggi, merito anche della sua colonna sonora dannatamente pop e interpretazioni attoriali egregie. Tutti elementi che rendono It’s a Sin una delle serie più belle del 2021 e tra le più riuscite di Russell T. Davies, uno degli showrunner (insieme a Ryan Murphy) che indaga il mondo omosessuale in modo pop e moderno.

Tenete i Kleenex a portata di mano, It’s a Sin è su StarzPlay.

Sintesi

It’s a Sin, con la sua colonna sonora dannatamente pop e interpretazioni attoriali egregie, diventa una delle serie più belle del 2021 e una delle più riuscite di Russell T. Davies per il modo in cui affronta il tema dell'AIDS e dell'omosessualità nella Londra anni '80.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli