Fortuna

Fortuna recensione film di Nicolangelo Gelormini con Valeria Golino e Pina Turco

Fortuna recensione film di Nicolangelo Gelormini con Valeria Golino, Pina Turco, Libero De Rienzo, Cristina Magnotti e Anna Patierno

La piccola Nancy (Cristina Magnotti) vive con gli amorevoli genitori (Valeria Golino e Libero De Rienzo) in un quartiere popolare, seguita da una giovane psicologa (Pina Turco) che cerca di comprenderne distrattamente l’enigmatico mutismo. Nei giochi con i suoi amici, però, Nancy si chiama Fortuna ed è una principessa di un pianeta lontano dove attende di tornare.

MadMass.it consiglia by Amazon

Anzi no: Nancy si chiama davvero Fortuna, ha il papà in carcere e le figure della madre e della psicologa, coi rispettivi caratteri, sono state invertite da lei a causa della sindrome da disorientamento temporale, un disturbo che la porta a confondere realtà e immaginazione, di cui soffre da qualche tempo. Da quando è costretta a custodire nel silenzio un terribile segreto.

Pina Turco e Cristina Magnotti
Pina Turco e Cristina Magnotti (Credits: Gianni Fiorito/I Wonder Pictures)

Valeria Golino e Cristina Magnotti
Valeria Golino e Cristina Magnotti (Credits: Marina Sgamato/I Wonder Pictures)

Fortuna: un nome che sembra una beffa quando tutto intorno è degrado, quando il mondo dei grandi è pura violenza e l’unica via di fuga è affidata alla disperazione della fantasia, al rifugio in un mondo immaginario non dissimile dalla realtà ma ripulito delle scorie più pesanti.
Un nome paradossale come quello che era stato scelto per Fortuna Loffredo, bambina del Parco Verde di Caivano, in provincia di Napoli, assassinata nel 2014 a soli sei anni dopo aver subito ripetuti abusi sessuali insieme ad altri minori.
E’ alla sua tragica vicenda che si è ispirato – pur non volendone proporre una ricostruzione – il regista napoletano Nicolangelo Gelormini, il quale per il suo primo lungometraggio ha deciso coraggiosamente di raccontare una storia disturbante e non priva di insidie.

Il risultato, tuttavia, è assolutamente pregevole. E ciò anche grazie a delle precise scelte narrative ed estetiche che, rifuggendo da alcuni topoi abusati, rivelano, già all’opera prima, la forte impronta autoriale di questo giovane filmmaker.
Fortuna, infatti, ha il pregio di non aderire all’abituale cliché iperrealistico dei racconti delle periferie. E anzi, preferisce prendere le mosse dalla parte opposta, ricorrendo a una messa in scena dai toni onirici che predilige la visionarietà alla descrizione. È così che Gelormini evita di mostrare direttamente la violenza, affidandone l’aberrante rappresentazione (quasi) esclusivamente al dolore implosivo – a tratti allucinato – della piccola protagonista, ai propri silenzi e al suo apparente distacco che, nella fissità e nella sospensione di certe inquadrature, sembra rendere tributo all’astrattismo di un Roy Andersson svuotato della proverbiale ironia.

Valeria Golino, Pina Turco e Cristina Magnotti
Valeria Golino, Pina Turco e Cristina Magnotti (Credits: Gianni Fiorito/I Wonder Pictures)

Valeria Golino e Cristina Magnotti
Valeria Golino e Cristina Magnotti (Credits: Marina Sgamato/I Wonder Pictures)

Un’opzione etica di spessore, questa, supportata da scelte formali (dal sonoro all’uso della macchina da presa) perfettamente funzionali alla sottolineatura degli stati emotivi e alla costruzione di un legame empatico spettatore-attore che funziona a meraviglia: come di recente visto nel bel The Father – Nulla è come sembra (2020) di Florian Zeller, infatti, anche Fortuna vuol trascinare chi guarda dall’altra parte dello schermo nel vortice confuso della protagonista, vuol fargliene saggiare direttamente la paura, il disagio e lo spaesamento. Ne scaturisce un racconto straniante, privo di concreti riferimenti spazio-temporali e striato di venature horror à la Robert Eggers, dalle cui pellicole paiono mutuati anche i suoni disturba(n)ti e ossessivi.

Fortuna, perciò, preferisce l’ellissi all’approfondimento, il frammento alla linearità. È un film che procede per simboli, che avanza a livello quasi subliminale attraverso tracce appena percettibili e minuscoli segni che, disseminati qua e là anche grazie all’ottimo montaggio curato dallo stesso Gelormini, conducono lo spettatore all’interno un mistero rivelato solo alla fine. Nel mezzo, stagliati sullo sfondo, scorrono gli adulti colpevoli, i traditori dell’innocenza, la cui mostruosità è solo volutamente accennata, affidata piuttosto alle brevi ma precise pennellate di un quadro sorrentinianamente grottesco, atto a rimarcare l’abiezione attraverso la pochezza e lo squallore.

Fanno eccezione, tra questi, i personaggi delle due madri-psicologhe (ottimamente incarnate da Valeria Golino e Pina Turco), figure solo apparentemente contrapposte, ma in realtà unite dal dramma dell’impotenza: il loro fronte comune in difesa della piccola protagonista – baluardo d’amore asimmetrico e incapace di comunicare – nulla potrà al cospetto del male, troppo grande, troppo raccapricciante per poter essere sconfitto.
Fortuna, dunque, è, in questo senso, un racconto profondamente cupo e pessimista, esattamente come lo è il film ad esso più accostabile: quel Favolacce dei fratelli D’Innocenzo pure incentrato sul tema dell’infanzia tradita. Ma mentre lì quel che si rivela è l’orrore della normalità adulta agli occhi dei bambini, in Fortuna il colpo pare farsi ancor più basso e ripugnante, dal momento che ci si cala nelle viscere della ferocia umana per ricavarne una storia così malata e dura da non poter essere raccontata, se non attraverso una favola. Una favola nera sospesa tra horror e incubo. Una favolaccia, per l’appunto, ma così tremendamente vera e dolorosa che avremmo preferito non fosse mai stata scritta.

Sintesi

Opera prima del regista Nicolangelo Gelormini, Fortuna è un film pregevole che, rifuggendo da alcuni topoi abusati, rivela la forte impronta autoriale del regista. La pellicola si affida a una messa in scena dai toni onirici che predilige la visionarietà alla descrizione ed evita di mostrare direttamente la violenza attraverso una favola nera sospesa tra horror e incubo, impreziosita dal montaggio di Gelormini e dalla bravura del cast.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli