Fear Street Parte 1: 1994

Fear Street Parte 1: 1994 recensione film di Leigh Janiak con Kiana Madeira e Olivia Scott Welch [Netflix]

Fear Street Parte 1: 1994 recensione film di Leigh Janiak con Kiana Madeira, Olivia Scott Welch, Benjamin Flores Jr., Julia Rehwald e Fred Hechinger

Diretto da Leigh Janiak (Honeymoon) e prodotto da Chernin Entertainment, Fear Street Parte 1: 1994 è il primo dei tre film ambientati nell’universo del famoso autore horror, nonché creatore della magnifica saga di Piccoli Brividi, R.L. Stine. Fear Street è una serie horror per giovani adulti che si concentra su personaggi adolescenti che vivono nella città apparentemente maledetta di Shadyside. I protagonisti sono perseguitati da situazioni soprannaturali che sono in gran parte il risultato di una maledizione posta sulla famiglia Fier secoli prima.

Fear Street Parte 1: 1994 ha debuttato al Los Angeles State Historic Park il 28 giugno 2021, ed è stato rilasciato su Netflix il 2 luglio 2021, mentre gli altri due capitoli, Parte Due: 1978 e Parte Tre: 1666 sono stati rilasciati nelle due settimane successive.
Le tre pellicole sono state realizzate in contemporanea, nell’arco di sei mesi: 1994 è stato girato per primo, seguito da 1666 e da 1978.
«Abbiamo girato tutti e tre i film di Fear Street nel corso di una folle, sanguinosa estate. Per noi è un sogno sapere che gli spettatori ora possono vivere la storia nello stesso modo in cui abbiamo realizzato i film, guardandoli uno dopo l’altro, con solo una settimana di attesa a separare i tre capitoli» ha dichiarato il regista Leigh Janiak.
La trilogia presenta una trama orizzontale che funge da cornice, ogni film tuttavia ha una sua personalissima storia e diventa parte di un puzzle il cui quadro generale si ricompone solo alla fine.

KIANA MADEIRA è DEENA OLIVIA WELCH è SAM
KIANA MADEIRA è DEENA, FRED HECHINGER è SIMON, BENJAMIN FLORES JR. è JOSH, JULIA REHWALD è KATE, e OLIVIA WELCH come SAM (Credits: Netflix)
JULIA REHWALD è KATE, FRED HECHINGER è SIMON e KIANA MADEIRA è DEENA
JULIA REHWALD è KATE, FRED HECHINGER è SIMON e KIANA MADEIRA è DEENA (Credits: Netflix)

Fear Street Parte 1: 1994 – Un incubo lungo 300 anni

Il racconto inizia con due città, Sunnyvale e Shadyside, i cui nomi sono già indicativi dei destini delle città: Sunnyvale è una cittadina prospera e fiorente dove nulla di malvagio accade, Shadyside invece, è in continuo declino e i suoi abitanti sembrano come intrappolati all’interno di essa, senza nessuna possibilità di fuggita o di prospettive future. Questo perché Shadyside è stata maledetta a causa di una strega morta ormai da circa 300 anni,  Sarah Fier. Gli abitanti di Shadyside possono deridere o credere al mito, ma resta il fatto che gli eventi macabri sono una costante nella città: omicidi, mutilazioni, persone normali che all’improvviso decidono di attaccare i loro amici e i loro cari.

Shadyside is not just some hot bed for psychos. All these massacres are connected to Sarah Fier.
The witches curse is real!
(Fear Street Parte 1: 1994)

I nostri cinque protagonisti, Deena (Kiana Madeira), Samantha (Olivia Scott Welch), Josh (Benjamin Flores Jr.), Kate (Julia Rehwald) e Simon (Fred Hechinger) saranno incastrati nella spirale di morte a causa di questa presenza oscura e manipolatrice.

Maya Hawke è Heather in Fear Street Parte 1: 1994
Maya Hawke è Heather in Fear Street Parte 1: 1994 (Credits: Netflix)
Fear Street Parte 1: 1994 recensione film di Leigh Janiak con Kiana Madeira e Olivia Scott Welch
Fear Street Parte 1: 1994 (Credits: Netflix)

Back to the ’90s

In ogni film horror degno di nota – se si pensa ai più iconici, da Nightmare on Elm street a Scream o Halloween – l’apertura o opening deve stabilire sin da subito il ritmo e l’atmosfera, immergendo lo spettatore nel vivo della storia, iniziando a incuriosire e stuzzicare. In questo, Fear Street Parte 1: 1994 svolge egregiamente il compito: l’inizio è chiaramente ispirato a Scream di Wes Craven mentre i vari personaggi fanno riferimento a pellicole come Jaws e Poltergeist e, in alcuni aspetti, sono molto simili ai protagonisti di Stranger Things. L’intera pellicola si alterna tra sequenze horror e contenuti slasher, seguendo proprio la classica scia del genere.

Fear Street Parte 1: 1994 però, a differenza di questi classici, vuole – anzi pretende – di essere più sovversiva dei suoi predecessori, andando a sostituire i protagonisti tipicamente bianchi ed etero al centro di questi film con quelli provenienti da ambienti storicamente emarginati. Ecco che, dove Nightmare on Elm Street raccontava di Nancy Thompson e il suo fidanzato Rod Lane, dove Brivido nella Notte aveva come protagonisti Dave e Evelyn, laddove La Mosca ci narrava di Seth e Veronica, in  Fear Street Parte 1: 1994 abbiamo invece la coppia queer formata da Deena e Sam e una storia d’amore che, a differenza delle precedenti, affronta ostacoli quali omofobia e lotte di classe. Tuttavia, un maggiore approfondimento del loro rapporto forse sarebbe stato necessario.

Menzione d’onore va alla colonna sonora: ci sono i Nine Inch Nails con Closer, More Than a Human dei White Zombie, Machinehead dei Bush, Insane in the Brain dei Cypress Hill, Creep dei Radiohead o addirittura Fear of the Dark degli Iron Maiden. Particolarmente apprezzabili queste scelte musicali e come esse rispecchino i personaggi e ciò che avrebbero ascoltato se fossero stati veri adolescenti del 1994.

La storia di questo primo capitolo intrattiene a dovere, ha un’ambientazione estremamente curata e presenta personaggi solidi, sebbene non troppo approfonditi.
Janiak sembra aver fatto i conti ed essere giunto alla conclusione che valeva la pena neutralizzare gli spaventi o per lo meno metterli un po’ da parte, per creare una tela più ricca per il resto della trilogia a venire, e – se si accetta questa premessa – gli spettatori saranno presto in grado di vedere come si sia puntato sul cavallo vincente.

Sintesi

Fear Street Parte 1: 1994 è il primo film tratto dall'omonima trilogia letteraria di R.L. Stine che tra atmosfere e colonna sonora anni '90, perfettamente in tema con la storia, e sovvertimento delle regole del genere, poiché mette al centro protagonisti queer e provenienti da classi sociali emarginate, mostra di essere una scommessa vinta che vi terrà incollati allo schermo in attesi dei due capitoli conclusivi.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Fear Street Parte 1: 1994 recensione film di Leigh Janiak con Kiana Madeira e Olivia Scott Welch [Netflix]Fear Street Parte 1: 1994 è il primo film tratto dall'omonima trilogia letteraria di R.L. Stine che tra atmosfere e colonna sonora anni '90, perfettamente in tema con la storia, e sovvertimento delle regole del genere, poiché mette al centro protagonisti queer e provenienti da classi sociali emarginate, mostra di essere una scommessa vinta che vi terrà incollati allo schermo in attesi dei due capitoli conclusivi.