El elemento enigmático

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel [TFF 38]

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel presentato al Torino Film Festival 38 nella sezione Le stanze di Rol

In El elemento enigmático tra montagne maestose, sotto un cielo abbagliante, una sagoma umana si scinde in tre. Le figure camminano lente, avanzando senza un obiettivo chiaro attraverso i paesaggi innevati.

MadMass.it consiglia by Amazon

Girato sulle alture della Cordigliera i tre personaggi appaiono in abiti da astronauta (o forse motociclisti con dei caschi). C’è molto vento, tanta nebbia e una musica continua. Ad un certo punto si imbattono in un corpo senza vita; testualmente non è uno spoiler poiché in realtà non succede nulla con quel corpo. Non si sa chi sia. I tre strani soggetti non comunicano se non telepaticamente e si limitano a marciare senza una chiara direzione. Il poco che sapremo su di loro è descritto da alcune frasi in sovraimpressione che pongono delle domande sulla vita, sull’esistenza, sulla natura e su cosa sia la libertà. In realtà non comprendiamo cosa stiano cercando o cosa possano volere.

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel
El elemento enigmático di Alejandro Fadel presentato al Torino Film Festival 38 nella sezione Le stanze di Rol

Il mediometraggio è accompagnato dalla musica elettronica di Jorge Crowe
Il mediometraggio è accompagnato dalla musica elettronica di Jorge Crowe

L’argentino Alejandro Fadel gioca con i colori freddi e con una bella colonna sonora; sembra quasi un concerto in cui le immagini sono solo una piccola parte. Lo scenario meraviglioso e l’affascinante musica elettronica di Jorge Crowe trasmettono sensazioni giuste per far perdere lo spettatore in un viaggio dai contorni confusi e incerti. Siamo di fronte ad una proposta cosiddetta “sperimentale”, che cerca di indurre un qualche tipo di percezione o riflessione nello spettatore.

Presentata al Torino Film Festival 2020 nella sezione Le stanze di Rol quest’opera non è sicuramente adatta a chi è interessato al cinema classico e narrativo in cui è tutto debitamente spiegato e giustificato. Finisce però per essere ripetitiva e monotona, un’idea concepita appositamente per i festival; difficile che una proposta così rischiosa possa essere accolta nei circuiti commerciali, sebbene sia da apprezzare l’audacia dell’approccio.

L'opera di Alejandro Fadel fa parte della sezione Le stanze di Rol
L’opera di Alejandro Fadel fa parte della sezione Le stanze di Rol

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel
El elemento enigmático di Alejandro Fadel presentato al Torino Film Festival 38 nella sezione Le stanze di Rol

La storia disegnata pone tantissime domande e pochissime risposte. O sono forse indizi per risolvere l’enigma che rimane nascosto in qualche angolo remoto delle immagini e dei suoni che lo compongono?

Sarà durante questo suo percorso in mezzo a bianche montagne congelate che il protagonista incontrerà i suoi due alter ego con vestiario e fattezze che riproducono le proprie. Insieme sembrano far parte di un quadro mentre il paesaggio desertico sembra quasi spingerli fino all’infinito trasformando lo schermo nella tela di un pittore. Da dove vengono non importa. Ciò che conta è che l’Uno ora diventa Tre.

El elemento enigmático approfondisce il mistero da una prospettiva diversa, mescolando e agitando le acque della sperimentazione quasi come un videoclip astratto colmo di contemplazione audiovisiva.

Un viaggio non identificato e senza un’apparente bussola attraverso il fascino della natura e la sua interazione – o meno – con gli esseri viventi.

Sintesi

El elemento enigmático è una proposta “sperimentale”. Lo scenario e la musica elettronica lo rendono un videoclip astratto colmo di contemplazione audiovisiva nel quale tre personaggi procedono senza un obiettivo chiaro attraverso paesaggi innevati.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli