Dopesick - Dichiarazione di dipendenza

Dopesick – Dichiarazione di dipendenza recensione serie TV di Danny Strong con Michael Keaton [Disney+]

Dopesick – Dichiarazione di dipendenza recensione serie TV Disney+ di Danny Strong con Michael Keaton, Peter Sarsgaard, Michael Stuhlbarg, Will Poulter, Kaitlyn Dever e Rosario Dawson

Dopesick: il filo rosso che lega denaro e dolore

È arrivato il momento di ridefinire la natura del dolore.
[..] Convivere con il dolore ci impedisce di vivere come vorremmo. Di vivere il meglio di noi stessi.
(Michael Stuhlbarg è Richard Sackler in Dopesick)

Quando fiction e inchiesta si incontrano non sempre i risultati sono quelli sperati: ma nella storia del cinema sono molti anche gli esempi di grandi film nati sotto questa stella e che sono riusciti nel loro intento (basti pensare a Insider diretto da Michael Mann nel 1999 o a Il caso Spotlight diretto da Tom McCarthy nel 2015).
Adesso ci prova anche il piccolo schermo a fare il salto di qualità in tal senso: e ci prova con Dopesick – Dichiarazione di dipendenza, miniserie di otto puntate creata da Danny Strong, distribuita negli Stati Uniti da Hulu e in Italia da Disney+.

La narrazione della vicenda ruota tutta attorno a uno degli scandali farmaceutici più clamorosi nella Storia degli Stati Uniti, una storia tragicamente vera: quella delle Big Pharma, in particolare di Purdue Pharma e del suo Oxycontin.
E tutto nasce da una promessa: quella del far scomparire per sempre la sofferenza nei malati, qualsiasi sia la malattia che li affligge.
Ed in una società pervasa dal consumismo più sfrenato diventa così facile, troppo facile, fare attecchire il sogno dei sogni: diventare imbattibili, sconfiggere per sempre il dolore.
Ma la ricetta di questo miracolo è reale? O si tratta solamente di un grande inganno in nome del profitto?

Dopesick - Dichiarazione di dipendenza recensione serie TV Disney+ di Danny Strong con Michael Keaton
Michael Stuhlbarg (Credits: Disney+)

La macchina del tempo dell’indagine

Ed è su queste basi che scorre avanti e indietro la macchina del tempo degli eventi, come nella migliore delle indagini, come nel migliore dei gialli. Solo che, come abbiamo anticipato, qui è tutto quanto vero.
Come in un puzzle ci ritroviamo avanti e indietro nel tempo, dai primordi della messa in vendita della panacea che guarisce tutti i mali fino a giungere alla scoperta dei suoi “altarini”, di quel qualcosa che non quadra perfettamente.
A tratti questo modo di raccontare la storia potrebbe apparentemente disorientare: ma per raccontare e far comprendere la gravità della situazione questo sembra l’unico modo.
E ogni pezzo, alla fine, si incastra perfettamente l’uno con l’altro, regalandoci un quadro di insieme tanto nitido quanto desolante.

Kaitlyn Dever e Will Poulter
Kaitlyn Dever e Will Poulter (Credits: Disney+)

Carnefici e vittime, l’uno accanto all’altro

Come in una sorta di affresco vivente vediamo ritratti accanto e assieme carnefici e vittime, venditori e acquirenti, demoni e dannati.
In questo modo assistiamo alla discesa negli Inferi della tossicodipendenza di alcuni e all’innalzarsi all’Olimpo dei colletti bianchi per altri.
Ma in fondo ci rendiamo conto che si tratta di dipendenze a tutto tondo, anche se di tipo diverso: la dipendenza psicofisica dagli oppiacei non corrompe l’animo meno dell’illimitata avarizia, della profonda cupidigia di denaro e di potere.

E da questa dicotomia delle dipendenze che forse emerge il miglior pregio di Dopesick: questa serie condanna le azioni riprovevoli di chi ha diffuso il farmaco mostrandocene gli effetti devastanti allo stesso tempo su chi ne ha abusato.
Senza eccessivamente calcare la mano e utilizzando comunque l’arma dell’equilibrio, del fatto. Ma non senza stimolare la riflessione, l’emozione di chi sta guardando lo schermo.
E in fondo non serve neanche un narratore che faccia da tramite: sarà lo spettatore in prima persona a giudicare da sé quello che vede, a diventare il primo testimone di questa ampia inchiesta.

Rosario Dawson
Rosario Dawson (Credits: Disney+)

Cast e regia di primissimo livello

A impreziosire un’opera certamente ben fatta e ben strutturata, una delle migliori per il piccolo schermo del 2021, c’è senz’altro un cast di primissimo livello: da Michael Keaton a Rosario Dawson, da Peter Sarsgaard a Michael Stuhlbarg siamo alla presenza di alcuni tra i migliori attori in circolazione.
Infine, ulteriore valore aggiunto, la serie si è fregiata anche della regia di Barry Levinson, noto regista di grandi film quali Good Morning Vietnam (1987) e Sleepers (1996), e di Michael Cuesta, che ha fatto da regista a molti episodi di grandi serie per il piccolo schermo come Six Feet Under o Homeland.

Dopesick dunque è senz’altro una delle piacevoli conferme dal successo annunciato di questo 2021: candidata a ben tre premi ai prossimi Golden Globes (miglior miniserie o film TV e miglior attore e attrice protagonista, con candidati Michael Keaton e Kaitlyn Dever) potrebbe essere la migliore inchiesta con elementi fiction di quest’anno.
La parola adesso spetta alle giurie.

Sintesi

Come in una sorta di affresco vivente, Danny Strong con Dopesick - Dichiarazione di dipendenza ritrae accanto carnefici e vittime, venditori e acquirenti, demoni e dannati, con la cupidigia di denaro e potere a corrompere l’animo non meno della dipendenza psicofisica dagli oppiacei, dicotomia da cui emergono i maggiori pregi di una serie dal grande cast e diretta tra gli altri da Barry Levinson.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli