48 ore

48 ore recensione film di Walter Hill con Eddie Murphy e Nick Nolte

48 ore recensione del film di Walter Hill con Nick Nolte, Eddie Murphy, Annette O’Toole, Frank McRae e James Remar

Il cinema di Walter Hill è senza dubbio tra i fiori all’occhiello di quel periodo di profonda rivoluzione narrativa e industriale affrontata dal cinema americano tra gli anni settanta e ottanta. Un cinema fatto di silenzi esistenziali di guidatori solitari come in Driver – L’imprendibile (1978), di western biografici come I cavalieri dalle lunghe ombre (1980); e di continue riletture dell’Anabasi di Senofonte (IV secolo a.c.) e dei suoi Diecimila, che Hill rielabora in forma postmoderna tra I guerrieri della strada (1979) e I guerrieri della palude silenziosa (1981). Un cinema narrativamente creativo quindi, che tra pietre miliari e vezzi artistici ha raggiunto il punto più alto – sul piano commerciale – con 48 ore (1982); cult movie intramontabile con cui Hill pone le basi del buddy cop grazie alla strana coppia Nick NolteEddie Murphy.

In un cinema crime sempre più in evoluzione, caratterizzato da un ventaglio narrativo di opere dicotomiche come Il braccio violento della legge (1971) e Il lungo addio (1973), un’opera come 48 ore scuote le fondamenta del genere, a partire dall’opposizione tra due attori emergenti totalmente agli antitesi: Nolte di dichiarata formazione drammatica, con un paio di film (dimenticabili) alle spalle, e Murphy fresca new-entry del Saturday Night Live all’esordio assoluto sul grande schermo.

Eddie Murphy e Nick Nolte
Eddie Murphy e Nick Nolte in una scena di 48 ore

Per certi versi quindi, un’opera come 48 ore è il perfetto punto d’incontro tra innovazione e tradizione filmica. Un punto di partenza e d’arrivo spesso poco celebrato e adombrato da opere di maggior peso specifico; ma che riflette appieno quel processo di ricodifica narrativa e “di audience”, che parte dal fiorire della New Hollywood. Quella fase di profonda rivoluzione culturale e industriale che ha portato all’emergere di cineasti visionari, sperimentali con cui reindirizzare il cinema e il suo linguaggio filmico verso un pubblico vivace, giovane, nuovo.

È il periodo di opere come Il laureato (1967), Bonnie & Clyde (1967) e Hollywood Party (1968); e ancora Fiore di cactus (1969), Bob & Carol & Ted & Alice (1969) e MASH (1970). Narrazioni brillanti, vive, che hanno poi portato a opere di ancora maggiore ambizione come Il padrino (1972), L’esorcista (1973) e Frankenstein Junior (1974); e ancora Lo squalo (1975), Star Wars (1977) e Apocalypse Now (1979), giusto per citarne alcuni.

Nel cast figurano Eddie Murphy, Nick Nolte, Annette O’Toole, Frank McRae e James Remar; e ancora Sonny Landham, David Patrick Kelly, Jonathan Banks e James Keane.

48 ore: sinossi

Anni ottanta, San Francisco. Un pericoloso detenuto, Albert Ganz (James Remar) è appena evaso dai lavori forzati grazie all’aiuto del suo complice: Billy Bear (Sonny Landham). Lo scontroso e solitario poliziotto Jack Cates (Nick Nolte) e i suoi colleghi Algren (Jonathan Banks) e Vanzant (James Keane) incappano nel criminale evaso; ne consegue una sparatoria in cui i colleghi muoiono e Cates perde la sua arma d’ordinanza.

Inizia così un’indagine che è una corsa contro il tempo, in cui Cates si trova costretto a dover chiedere aiuto ad uno dei membri della banda attualmente in carcere: Reggie Hammond (Eddie Murphy). Ottenuto il rilascio per appena 48 ore, la società tra Cates e Hammond parte con il piede sbagliato, arrivando perfino a prendersi a pugni; con le ore in reciproca compagnia “sopportata” però, i due stabiliranno un solido legame riuscendo a venirne a capo.

Eddie Murphy e Nick Nolte in una scena di 48 ore
Eddie Murphy e Nick Nolte in una scena di 48 ore

Il Cane randagio di Walter Hill

Aperta campagna: mucche che pascolano, cavalli che si abbeverano. Degli avanzi di galera ai lavori forzati con cui citare la celebre inquadratura di riflesso de Nick mano fredda (1967); l’incedere della camera sul primo piano di un uomo che scopriremo poi essere il Ganz di Remar. L’arrivo di un automobile che è più un ammasso di ferraglia e ruggine che altro; una sparatoria dinamica, fiumi di sangue quasi peckinpahiani. Attraverso un linguaggio filmico semplice e immediato si apre il racconto di 48 ore; espediente efficace con cui realizzare un’efficace presentazione dei contorni caratteriali del villain in pochi attimi.

Lo stesso nella presentazione dell’agente scenico di Nolte: quel Jack Cates poliziotto problematico di cui Hill pone da subito le basi caratteriali e di tipo relazionale. Una camicia sporca, una casa mai visitata, e in un primo piano in campo e controcampo tra Cates e la Elaine della O’Toole, e Hill ci presenta la criticità del rapporto tra i due agenti scenici. Ne emerge una dimensione caratteriale che è un po’ il simulacro degli stereotipi del cinema “di genere”. Il Cates di Nolte è infatti l’ennesima rilettura del poliziotto alcolizzato, fumatore accanito e cocciuto; in combutta con i colleghi, infelice del suo “lavoro di me*da” che straccia le multe ma tremendamente competente.

Eddie Murphy e Nick Nolte in una scena di 48 ore
Eddie Murphy e Nick Nolte in una scena di 48 ore

Lo sviluppo del racconto conferma gli intenti del Walter Hill regista veloce, ora attraverso piani sequenza fluidi alla stazione di polizia, ora in una crescita della posta in gioco esponenziale – resa possibile da un montaggio netto, vivace, compiuto. In un incedere parallelo che nel comporre l’intreccio narrativo permette a Hill di completare la caratterizzazione del Ganz di Remar delineandone una backstory funzionale; e ancora nel realizzare il primo turning point con lo stesso Cates di Nolte.

Espediente attraverso cui Hill codifica un’efficace opportunità di racconto, preparando così il terreno con cui giustificare l’ingresso scenico del sopracitato Hammond di Murphy e delineare la dinamica relazionale che altro non è che il cuore narrativo di 48 ore. Nel solco del sopracitato I guerrieri della strada anche 48 ore si muove in un terreno narrativo fortemente derivativo; il cineasta de Strade di fuoco (1984) rilegge infatti il topos della “pistola rubata” codificandolo in forma postmoderna in una dinamica fortemente – e dichiaratamente – rievocativa de Cane randagio (1949) di Akira Kurosawa.

48 ore: la codifica filmica del buddy cop movie

È nel secondo atto infatti che Hill costruisce la relazione tra Cates e Hammond, agenti scenici agli antipodi, un poliziotto veterano in coppia con un avanzo di galera, con cui trasportare l’uno nel mondo straordinario dell’altro; tra scazzottate nomignoli razzisti e una fiducia che cresce di ora in ora. Un lavoro sagace quello compiuto da Hill sulla narrazione di 48 ore, Cates e Hammond sono infatti opposti e complementari; codificando così quella che sarà la grammatica filmica del genere buddy cop la cui unica e vivace rappresentazione fino a quel tempo è da ricondursi al serial da piccolo schermo Starsky & Hutch (1975-1979).

L’espediente è vitale nell’economia del racconto di 48 ore, in uno sviluppo appena accennato della componente comica affidata al vivace (e dosato) Murphy, con cui realizzare un ibrido comedy-crime (più crime che comedy) che alza l’asticella della qualità di scrittura e innova (e crea) il genere.

Eddie Murphy e Nick Nolte
Eddie Murphy e Nick Nolte in una scena di 48 ore

Dialoghi incisivi, veloci, battute ficcanti, avvolte in un’atmosfera da crime consumato, di cui Hill ci fa saggiare odori e sapori tra inseguimenti sulle colline stradali di San Francisco, colonna sonora fusion jazz, locali chic e cupi piano bar; e una scena madre come quella nella Metropolitana che per ritmo e tempi è un assoluto gioiello del cinema di genere. Nella climax però, Hill asciuga quel che resta della componente comedy, rendendola praticamente nulla; realizzando invece una sequenza che è puro cinema crime, perfino da neo-noir compassato, con cui giocare con atmosfere e i topoi.

Il fumo che esce dai tombini, primi piani sugli sguardi truci di Cates e Ganz, dettagli della canna della pistola: 48 ore si incanala nella sordida fanghiglia di un crime sporco e puro. Hill realizza così una sequenza che vive di suggestioni e di vivacità registica, amplificandone la portata e gli effetti con cui dispiegare uno stallo alla messicana decisamente (e pigramente) semplice. Il campo lungo di un Cates avvolto dalla nebbia, il controcampo di Ganz e Hammond; l’incedere di una spietata macchina assassina avvolta dalle luci al neon; uno sparo.

Tra le pagine più belle del cinema anni ottanta

In un periodo di profonda trasformazione produttiva e narrativa, 48 ore s’inserisce nel solco del cinema crime; ponendo così le basi tematiche e stilistiche di quel sottogenere che farà le fortune di Beverly Hills Cop (1984), Arma letale (1987), Tango & Cash (1989) e Point Break – Punto di rottura (1991). A differenza delle sopracitate però, l’opera di Hill appare raffazzonata e incerta, in un’anima filmica divisa tra crime e comedy; e in una componente buddy ancora acerba e mal calibrata. Nonostante queste perplessità però, 48 ore funziona, tanto da convincere Hill a realizzarne un sequel (infelice) quasi dieci anni più tardi. Funziona nello sviluppo della dinamica tra Cates e Hammond, nell’umorismo appena accennato; e nel finale aperto di una Cadillac azzurra in campo lungo che sembra quasi accantonare quel briciolo di romanticismo impiantato da Hill a favore della bromance.

Soprattutto però, 48 ore, ci ricorda di quell’epoca in cui era possibile realizzare un’opera compiuta in un minutaggio considerevole. Per le estetiche contemporanee, un simile concept vedrebbe una narrazione di almeno due ore, se non perfino due ore e mezza. Hill negli anni ottanta riusciva a realizzare il tutto in un’ora e mezza non lesinando in buoni sentimenti, spacconeria, violenza e umorismo. Il cinema action che piace e come dovrebbe essere, sempre.

La locandina di 48 ore
La locandina di 48 ore

Sintesi

Nei suoi intenti di codifica filmica del buddy cop, l'opera di Walter Hill appare raffazzonata e incerta, in un'anima filmica divisa tra crime e comedy. Nonostante queste perplessità però, 48 ore funziona. Funziona nello sviluppo della dinamica tra Cates e Hammond, nell'umorismo appena accennato, e nel finale aperto di una Cadillac azzurra in campo lungo che sembra quasi accantonare quel briciolo di romanticismo impiantato da Hill a favore della bromance. Soprattutto però, 48 ore, ci ricorda di quell'epoca in cui era possibile realizzare un'opera compiuta in un minutaggio considerevole. Un concept che oggi vedrebbe uno sviluppo di almeno due ore, se non perfino due ore e mezza, ma che nei gloriosi anni ottanta, Hill avrebbe realizzato con un'ora di meno, non lesinando in buoni sentimenti, spacconeria, violenza e umorismo. Il cinema action che piace e come dovrebbe essere, sempre.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Oscar Isaac sarà Solid Snake nel film Metal Gear Solid basato sul videogioco di Hideo Kojima

Oscar Isaac sarà Solid Snake in Metal Gear Solid nella trasposizione cinematografica del videogioco capolavoro di Hideo Kojima pubblicato da Konami Mentre abbiamo ancora negli...

Il futuro dei film e dei cinema tra sala e streaming

Warner Bros. rilascerà l'intero listino cinematografico 2021 contemporaneamente in sala e su HBO Max: il futuro dei film e dei cinema tra sala e...

The Wilds recensione serie TV di Sarah Streicher con Rachel Griffiths [Amazon Prime Video Anteprima]

The Wilds recensione serie TV di Sarah Streicher con Rachel Griffiths, Sophia Ali, Shannon Berry, Jenna Clause, Reign Edwards, Mia Healey e Sarah Pidgeon Quando un gruppo...

Kiss Kiss Bang Bang recensione film di Shane Black con Robert Downey Jr. e Val Kilmer [Flashback Friday]

Kiss Kiss Bang Bang recensione del film di Shane Black con Robert Downey Jr., Val Kilmer, Michelle Monaghan, Shannyn Sossamon e Corbin Bernsen Nel 1983, a...

Quarto potere recensione film di e con Orson Welles

Quarto potere recensione del film diretto e interpretato da Orson Welles con Joseph Cotten, Erskine Sanford, Dorothy Comingore, Ray Collins, Everett Sloane e William...

Cinema News del 4 dicembre [Rassegna Stampa]

Warner Bros. fa il grande passo La Fatale Hilary Swank Si arricchisce il cast di Hawkeye Cynthia Erivo e la Regina Vittoria La...

Il magico mondo della saga Harry Potter al cinema: origini storia e curiosità [Throwback Thursday]

La saga cinematografica di Harry Potter è sicuramente una delle più amate dai bambini (e dagli adulti). Ricordiamone insieme origini, storia e curiosità Ormai il...

Kadaver recensione film di Jarand Herdal con Gitte Witt [Netflix]

Kadaver recensione film di Jarand Herdal con Gitte Witt, Thomas Gullestad, Thorbjørn Harr, Maria Grazia Di Meo e Gjermund Gjesme disponibile su Netflix Nel futuro distopico...

Cinema News del 3 dicembre [Rassegna Stampa]

Emma Stone lascia Babylon Gal Gadot ha un cuore di pietra Jason Statham di nuovo spia Jason Statham di nuovo criminale Hawkeye ha...

Sebastian Jones: intervista al filmmaker e montatore di Terrence Malick

Intervista a Sebastian Jones, regista e montatore di Terrence Malick noto per Everybody's Everything, La vita nascosta - Hidden Life e Song to Song Sebastian...